L’Egitto fa causa a Christie’s per Tutankhamon

Lo scorso 4 luglio Christie’s, la casa d’aste più famosa del mondo, ha messo in vendita la statuetta del faraone Tutankhamon.

Una piccola testa in quarzite marrone alta 28 cm, risalente a 3.300 anni fa, di proprietà di un collezionista privato.

Battuta per la cifra di 4,746,250 sterline, la preziosa statuina è ora motivo di acceso contenzioso.

Il governo Egiziano infatti aveva già da tempo chiaramente fatto sapere di non avallare la vendita in questione, perché sembrerebbe che la statua sia stata saccheggiata illegalmente, negli anni settanta, dal tempio di Karnak a Luxor.

Tutankhamon

Tutankhamon – Faraone bambino

 

Nel caso quindi si tratterebbe di provenienza illecita quella dell’opera che rappresenta il faraone bambino, appena battuta all’asta per più di 5 milioni di euro, che comunque nel frattempo ha cambiato proprietario.

Sì perché il governo egiziano non è stato ascoltato nelle sue richieste e ora minaccia di fare causa alla casa d’aste.

Ci hanno lasciato senza altre opzioni che far valere le nostre ragioni di fronte a un tribunale”, ha dichiarato alla BBC il ministro egiziano delle antichità, Khaled el-Enany. “E faremo di tutto affinché il busto di Tutankhamon torni in Egitto”.

Cercando di ricapitolare: l’opera nel 1985 sarebbe stata venduta dal mercante tedesco Heinz Herzer al privato collezionista che ne aveva la proprietà prima dell’asta. Ancor prima, la statua era del mercante austriaco Joseph Messina che l’avrebbe comprata nel 1973-1974 dal principe Wilhelm von Thurn und Taxis, il quale avrebbe avuto il Tutankhamon fin dagli anni Sessanta.

La scultura era parte integrante di un gigantesco complesso dedicato al dio Amon, la divinità principale del Nuovo Regno.

Durante l’asta, al di fuori delle mura di Christie’s, ci sono stati manifestanti con cartelli che chiedevano di “smettere di commerciare in antichità contrabbandate” mentre la casa d’aste si è difesa affermando che l’opera è assolutamente legale e che una delle prove è proprio il fatto che più volte è stata esposta e nessuno ne ha mai reclamato la provenienza.

Scopriremo col tempo come andrà a finire questa storia e se salteranno fuori nuove interessanti documentazioni a riguardo.

 

 

VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


LE OPERE

Follow Us

© 2019 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 01960870440