Alfredo Zecca – Senza titolo

Alfredo Zecca – Senza titolo

Zecca Alfredo

  • Tecnica: Lastra d'argento
  • Dimensione: 10x15

  • Certificato:
  • Codice prodotto: LMUS002

Visualizzazioni 222

DESCRIZIONE

Il paesaggio è stato da sempre protagonista nella ricerca artistica, sia come ambientazione, come sfondo, ma anche come soggetto esso stesso. La descrizione naturalistica del paesaggio è stata una delle maggiori aspirazioni per gli artisti di ogni epoca. Ogni periodo storico ha dato la propria interpretazione del paesaggio contribuendo all’evoluzione della sua descrizione: dapprima con una ricerca sullo spazio, tramite la prospettiva brunelleschiana nel primo Rinascimento; poi sulla resa atmosferica nel Cinquecento; fino ad arrivare alla rappresentazione di ogni singola vibrazione della luce sugli oggetti nell’Impressionismo. Nelle vedute paesaggistiche di Alfredo Zecca, prevale invece l’aspetto del quotidiano, del realismo schietto e sincero della vita di tutti i giorni in una dimensione cittadina o di campagna. La presenza umana viene ridotta al minimo e l’artista lascia parlare gli edifici e la natura, protagonisti di una narrazione diretta e senza filtri di idealizzazione.

Lo stile dell’artista Alfredo Zecca si contraddistingue per una piena maturità di tipo post-impressionista. Le sue composizioni sono tutte costruite per mezzo del colore e le pennellate hanno un notevole valore strutturale. Lo scopo del pittore non è quello di riportare il dato sensibile del paesaggio, ma di carpirne l’essenza stessa, la sua sostanza. A questo fine interviene la pennellata, ricca di materia che, nonostante l’essenzialità della rappresentazione, scompone lo spazio su diversi piani, registrando le vibrazioni della luce e della vita sul soggetto. Così in una superficie sostanzialmente bidimensionale, schiacciata in primo piano, gli oggetti vengono costruiti dal pittore per mezzo di larghi segni, densi di colore che si sovrappongono tra di loro. Dal punto di vista cromatico, inoltre, tutta la superficie dell’opera è intonata secondo una gamma di colori unificante solitamente tendente al bruno, la quale si avvale dei preziosi riflessi del supporto argenteo.

Alfredo Zecca è nato a La Spezia nel 1917 ed è scomparso nel 1998. Trasferitosi da giovane con la sua famiglia a Milano nel 1930 è nel capoluogo lombardo che si svolgerà gran parte della sua carriera. La sua formazione ebbe luogo presso l’Accademia di Brera ed espose le sue opere per la prima volta nel 1950 presso la Galleria Travaglini. Fra il 1950 e il 1960 furono sette le mostre personali importanti che videro le opere dell’artista esposte a Milano,Trieste, Como, Monza e Vigevano, oltre ad un numero imprecisato di Mostre Collettive e di Premi di Pittura con esposizione. Esperto nell’uso dell’acquerello, tecnica con la quale realizzava soprattutto vivaci vedute urbane, Alfredo Zecca fu, negli anni ’70, tra i principali fautori dell’AIA, l’Associazione Acquerellisti Italiani.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


LE OPERE

Follow Us

© 2022 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 02272650447