Aligi Sassu – La Pace

Aligi Sassu – La Pace

Sassu Aligi

L’iconografia di questa scultura ha sicuramente dei valori allegorici e può essere definita, in qualche modo, simbolista proprio per la sua allusione a significati sottesi. E’ un tipo di soggetto che può essere ricollegato al linguaggio artistico di pittori di fine Ottocento come Moreau o Odilon Redon, i quali oltre ad iconografia complesse ricercavano anche […]

  • Tecnica: Fusione bronzo a cera persa
  • Dimensione: 30 x 30
  • Anno: 1996

  • Certificato: Certificazione Sanzanobi
  • Stato di conservazione: Ottimo
  • Tiratura: 113/750
  • Codice prodotto: GBRU001

Visualizzazioni 800

DESCRIZIONE

L’iconografia di questa scultura ha sicuramente dei valori allegorici e può essere definita, in qualche modo, simbolista proprio per la sua allusione a significati sottesi. E’ un tipo di soggetto che può essere ricollegato al linguaggio artistico di pittori di fine Ottocento come Moreau o Odilon Redon, i quali oltre ad iconografia complesse ricercavano anche una certa astrazione formale. Nel caso specifico, nella sua interpretazione della Pace, Sassu non sceglie l’iconografia mitologica dell’Eirene (una figura di donna con un bambino in braccio) ma crea l’immagine di una figura alata.

In questa piccola scultura, elemento statico per definizione, notiamo un tipo di ricerca diversa da quella tipica di Aligi Sassu, spesso impostata verso l’espressione di forze dinamiche e incontenibili. La scultura in oggetto presenta invece un interesse dell’artista verso la sintesi della forma. Il soggetto subisce una riduzione della propria fisionomia, e tale operazione viene condotta in chiave rigorosamente espressionista. Infatti la sintesi del soggetto è concepita in modo da creare un ritmo compositivo curvilineo e sinuoso, in cui comunque permane sempre un certo dinamismo, inscindibile dall’opera di Sassu. L’elemento prevalente rimane però l’esaltazione delle forme che vengono quasi gonfiate, sia quelle anatomiche che quelle del panneggio.

Aligi Sassu, nato a Milano nel 1912 e scomparso nel 2000, è stato un pittore ed uno scultore. Nel campo della pittura i suoi sforzi furono rivolti soprattutto alla rappresentazione del movimento e della forza fisica, per questo il soggetto del cavallo o dell’uomo a cavallo fu a lui sempre congeniale. Alla fine degli anni ’70 stipulò insieme a Bruno Munari il manifesto pittorico “Dinamismo e riforma muscolare”, nel quale si programmava un ritorno a forme anti-naturalistiche in senso dinamico. Buona parte della sua pittura, inoltre, è ispirata a Delacroix e alle sue battaglie.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


LE OPERE

Follow Us

© 2020 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 01960870440