Aligi Sassu – Senza titolo

Aligi Sassu – Senza titolo

Sassu Aligi

Da sempre la figura umana è stata al centro della ricerca artistica. Fin dall’età classica la resa naturalistica dell’anatomia umana è stata uno degli obiettivi principali di pittori e scultori di tutti tempi. La rappresentazione del nudo è la massima espressione di questa aspirazione, trasversale a tutte le epoche e a tutte le correnti stilistiche. […]

  • Tecnica: Litografia
  • Dimensione: 13x10

  • Tiratura: Esemplare 67/150
  • Codice prodotto: AZAN001

Visualizzazioni 215

DESCRIZIONE

Da sempre la figura umana è stata al centro della ricerca artistica. Fin dall’età classica la resa naturalistica dell’anatomia umana è stata uno degli obiettivi principali di pittori e scultori di tutti tempi. La rappresentazione del nudo è la massima espressione di questa aspirazione, trasversale a tutte le epoche e a tutte le correnti stilistiche. Infatti oltre alle interpretazioni naturalistiche, proprie del Rinascimento e dei vari classicismi, che mirano ad una rappresentazione veritiera e dettagliata del corpo umano, il nudo è stato protagonista anche all’interno delle nuove concezioni estetiche portate dalle avanguardie storiche, come nel Cubismo, nell’Espressionismo e nel Surrealismo.

La tecnica litografica adottata da Aligi Sassu in questa incisione assume un preciso carattere di freschezza e spontaneità esecutiva. In questo va grande merito alla bravura dell’artista che riesce a costruire la rappresentazione con un tocco veloce e sintetico, mantenendo tuttavia chiarezza narrativa e concretezza delle forme. Anche in questo soggetto di carattere classico rimane immutato il grande dinamismo della stesura pittorica di Aligi Sassu, tutta la composizione infatti risulta mossa ed estremamente vibrante. Anche la scelta sui colori assume delle connotazioni decisamente espressioniste, con il forte contrasto proposto dal giallo verde della vegetazione con l’azzurro del cielo, i toni rosei della carne ed il bianco del cigno.

Aligi Sassu, nato a Milano nel 1912 e scomparso nel 2000, è stato un pittore ed uno scultore. Nel campo della pittura i suoi sforzi furono rivolti soprattutto alla rappresentazione del movimento e della forza fisica, per questo il soggetto dell’uomo a cavallo fu a lui sempre congeniale. Alla fine degli anni ’70 stipulò insieme a Bruno Munari il manifesto pittorico “Dinamismo e riforma muscolare”, nel quale si programmava un ritorno a forme anti-naturalistiche in senso dinamico. Buona parte della sua pittura, inoltre, è ispirata a Delacroix e alle sue battaglie.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


Follow Us

© 2024 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 02272650447