Antonio De Vity – Senza titolo

Antonio De Vity – Senza titolo

De Vity Antonio

Il paesaggio è stato da sempre protagonista nella ricerca artistica, sia come ambientazione, come sfondo, ma anche come soggetto esso stesso. La descrizione naturalistica del paesaggio è stata una delle maggiori aspirazioni per gli artisti di ogni epoca. Ogni periodo storico ha dato la propria interpretazione del paesaggio contribuendo all’evoluzione della sua descrizione: dapprima con […]

  • Dimensione: 60x125

  • Codice prodotto: GBON001

Visualizzazioni 526

DESCRIZIONE

Il paesaggio è stato da sempre protagonista nella ricerca artistica, sia come ambientazione, come sfondo, ma anche come soggetto esso stesso. La descrizione naturalistica del paesaggio è stata una delle maggiori aspirazioni per gli artisti di ogni epoca. Ogni periodo storico ha dato la propria interpretazione del paesaggio contribuendo all’evoluzione della sua descrizione: dapprima con una ricerca sullo spazio, tramite la prospettiva brunelleschiana nel primo Rinascimento; poi sulla resa atmosferica nel Cinquecento; fino ad arrivare alla rappresentazione di ogni singola vibrazione della luce sugli oggetti nell’Impressionismo. Per l’artista Antonio De Vity, la cui produzione pittorica è in massima parte costituita da vedute urbane parigine,
è meno usuale ritrarre un paesaggio di tipo naturalista.

Questa opera di Antonio De Vity si distingue per una pittura di paesaggio nella quale ricerca una veduta caratteristica, piena di un proprio lirismo. Da qui, dunque, il gusto per lo scorcio pittoresco, per l’inquadratura suggestiva. A livello formale tutto ciò si risolve in un fare pittorico estremamente mosso e dinamico che garantisce freschezza ed immediatezza esecutiva. La sua pennellata, dunque, si caratterizza per un tocco decisamente corsivo, fatto di guizzi repentini, efficaci nel registrare le vibrazioni luminose sugli oggetti. Lo possiamo vedere sopratutto nell’esecuzione dei passaggi tonali che misurano lo spazio e le variazioni di luce negli edifici o nei riflessi che si riverberano dalla superficie dell’acqua. Tutta la composizione è pervasa di un pacato naturalismo ed una freschezza derivante dalla capacita tecnica dell’artista.

Antonio De Vity è lo pseudonimo di Umberto Marone, nato a Napoli nel 1901 e scomparso nel 1993. Ha iniziato a studiare pittura nella sua città, ma fondamentale per la sua formazione sarà il soggiorno a Parigi, dove ha frequentato la Ecole des Beaux Arts. Tornato in Italia fonda una sua scuola che diventerà un importante punto di riferimento per gli artisti del meridione.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


Follow Us

© 2024 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 02272650447