Artista sconosciuto – Santa Caterina da Siena

Artista sconosciuto – Santa Caterina da Siena

  • Tecnica: Olio su tela
  • Dimensione: 52x63

  • Codice prodotto: LCAR002

Visualizzazioni 201

DESCRIZIONE

La figura di santa soggetto del dipinto va sicuramente identificata in Santa Caterina da Siena. Infatti vi sono tutti gli attributi iconografici tradizionali, in particolare l’abito domenicano e la corona di spine in capo, diffusissima nelle rappresentazioni della Santa senese. Nata a Siena nel 1347 e morta nel 1380 Santa Caterina è una delle figure fondamentali della Chiesa Occidentale. La sua vita si divise tra un profondo misticismo e una religiosità attiva che la portò a dedicare tutta la sua vita alle opere di carità, curando i malati e assistendo i condannati a morte. Fu canonizzata nel 1461 da papa Pio II ed è considerata patrona d’Italia. A testimonianza della sua intensa religiosità ha lasciato numerose lettere ed opere, per questo è considerata Dottore della Chiesa. Nell’opera presente la santa regge in mano il crocifisso, è una variante abbastanza diffusa nelle rappresentazioni di Caterina da Siena insieme a quelle dove ha in mano un giglio.

La composizione è tutta incentrata sulla figura di Santa Caterina da Siena, la quale occupa gran parte della superficie della tela in uno spazio neutro, appena rischiarato dalla tenue luce dell’aureola. La modalità di esecuzione rispecchia, prevalentemente, le istanze di una ricerca di naturalismo tipicamente seicentesca. Sempre in opposizione all’artificiosità del Manierismo gli artisti, guidati anche dalle disposizione del Concilio di Trento in materia di arte sacra, tornarono ad un registro stilistico classico che guardava al naturalismo rinascimentale, soprattutto di Tiziano e Raffaello. In questa opera, dunque, la resa naturalistica è molto accentuata. Il busto della santa effettua una torsione sciolta e naturale, con la testa inclinata in un gesto di concentrazione mistica e spirituale. Con molta naturalezza vengono definiti gli incarnati del del volto e delle mani che stringono la croce, le quali mostrano l’affettazione di una forma leggermente allungata. La fisionomia della santa è molto caratterizzata ed i volumi del volto vengono sottolineati da profonde ombreggiature. L’espressione è tendenzialmente idealizzata in un’aura di intensa spiritualità. Tutto il volume del soggetto, comunque, risulta molto concreto, creandosi il suo stesso spazio nell’opera. Inoltre la tecnica usata dall’artista è una stesura a velature che permette di sfumare dolcemente gli incarnati ed inserire con scioltezza il soggetto nello spazio, nonostante l’accentuato plasticismo che caratterizza tutta la rappresentazione. Con molto realismo, tipicamente seicentesco, vengono riprodotte le vesti domenicane della santa con una grande attenzione ai dettagli. La luce illumina quasi frontalmente la santa con un chiarore diffuso che esalta la bianchezza delle mani, del volto e della veste.

Dall’analisi del dipinto emergono in particolare due fattori. Da una parte la ricerca di un totale naturalismo del soggetto, in linea con una concezione classicista della pittura. Dall’altra, nell’espressione della Santa Caterina, un certo pietismo intimistico e la ricerca di un patetismo religioso. L’unione di questi due fattori ci fanno pensare ad una collocazione, per l’autore del dipinto, nel XVII secolo, in quel clima di religiosità austera che determinò la produzione artistica dopo le disposizioni controriformistiche del Concilio di Trento. L’artista autore dell’opera è immerso in pieno clima seicentesco, lo possiamo supporre, oltre che dal carattere realista della rappresentazione, dalla prevalenza delle tonalità scure e nella presenza dello sfondo tendente al tenebroso ma rischiarato dalla luce dell’aureola. Tuttavia il pittore non si lascia tentare minimamente dalle esuberanze di un’estetica barocca rimanendo coerente con un sentimento religioso di tipo intimo e domestico e, a livello formale, rimanendo ligio ad un canone classicista con una composizione sobria ed una stesura che evita pittoricismi eccessivi.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


LE OPERE

Follow Us

© 2021 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 01960870440