Attilio Alfieri – Pagliai  a Loreto

Attilio Alfieri – Pagliai a Loreto

Alfieri Attilio

  • Tecnica: Olio su tela
  • Dimensione: 40 x 55
  • Anno: 1940

  • Certificato: Firma sul retro
  • Stato di conservazione: Ottimo
  • Codice prodotto: LSAG003

Visualizzazioni 624

DESCRIZIONE

Il paesaggio è stato da sempre protagonista nella ricerca artistica, sia come ambientazione, come sfondo, ma anche come soggetto esso stesso. La descrizione naturalistica del paesaggio è stata una delle maggiori aspirazioni per gli artisti di ogni epoca. Ogni periodo storico ha dato la propria interpretazione del paesaggio contribuendo all’evoluzione della sua descrizione: dapprima con una ricerca sullo spazio, tramite la prospettiva brunelleschiana nel primo Rinascimento; poi sulla resa atmosferica nel Cinquecento; fino ad arrivare alla rappresentazione di ogni singola vibrazione della luce sugli oggetti nell’Impressionismo.

Il pittore di origine marchigiana Attilio Alfieri è riuscito a raggiungere uno stile compiutamente post-impressionista di grande impatto estetico ed emotivo. Innanzitutto egli esercita una notevole sintesi sui soggetti, ma tale sintesi avviene tramite il colore. Ne consegue che la stesura è fondamentale: le pennellate, larghe e corpose, acquisiscono un grande valore strutturale, nell’individuare i volumi degli oggetti; il colore trasferisce sulla tela vibrazioni cromatiche, rimpolpando gli oggetti di vita. Quella di Alfieri, con le sue cromie accese e brillanti, è una pittura carica di lirismo esistenziale.

Attilio Alfieri è nato a Loreto nel 1904. Inizia a lavorare come affrescatore e decoratore e nel 1923 si trasferisce a Milano, dove scompare nel 1992. A Milano Alfieri completa la sua formazione frequentando corsi serali all’Accademia di Brera e al Castello Sforzesco. Fondamentale fu la vicinanza con Birolli, i chiaristi e il gruppo Corrente. La prima mostra personale è del 1934 al Circolo Filologico di Milano. Partecipa a varie edizioni della Quadriennale di Roma, della Biennale di Venezia e del Premio Bergamo. Nel 1939 diventa docente di Affresco e Decorazione alla Scuola Unitaria di Milano.

L’opera compare nel Catalogue Raisonnè di Attilio Alfieri, a cura di Luigi Sansone, edizioni Mazzotta, con indicazione Archivio Alfieri n. 3202


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


LE OPERE

Follow Us

© 2022 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 02272650447