Attribuito a Giorgio De Chirico – Ricordo di me al Principe Borghese

Attribuito a Giorgio De Chirico – Ricordo di me al Principe Borghese

Attribuito a De Chirico Giorgio

L’autoritratto è un genere che ha amplissima diffusione in tutta la storia dell’arte fino ai nostri giorni. Le prime testimonianze si trovano già in epoca medievale, ma non come genere autonomo, bensì contestualizzato all’interno di un’opera. Con lo svilupparsi dell’autoconsapevolezza dell’artista e del suo ruolo, già nel Rinascimento l’autoritratto, soprattutto quello ambientato in altre opere, […]

  • Tecnica: Digitale
  • Dimensione: 49 x 39
  • Anno: 1950

  • Certificato: L'opera non è al momento provvista di certificazione.
  • Stato di conservazione: Ottimo
  • Codice prodotto: BCOS004

Visualizzazioni 837

DESCRIZIONE

L’autoritratto è un genere che ha amplissima diffusione in tutta la storia dell’arte fino ai nostri giorni. Le prime testimonianze si trovano già in epoca medievale, ma non come genere autonomo, bensì contestualizzato all’interno di un’opera. Con lo svilupparsi dell’autoconsapevolezza dell’artista e del suo ruolo, già nel Rinascimento l’autoritratto, soprattutto quello ambientato in altre opere, comincia ad avere una certa diffusione. Le prime prove di autoritratto autonomo, invece, nascono a partire dal XVI secolo. Spesso l’autoritratto dell’artista costituisce una sorta di manifesto stilistico per il pittore che lo ha concepito.

In questa opera l’artista Giorgio De Chirico ci dà un’immagine di sé naturale, improntata ad un sincero realismo. La pregevole fattura dell’opera si risolve non solo nell’abilità tecnica con la quale De Chirico riesce a riprodurre la proprie fattezze e, allo stesso tempo, offrire una connotazione psicologica allo spettatore. A livello concettuale va sottolineato il fine tratteggio e l’intrico di linee grafiche che, oltre a rappresentare il gioco delle ombre e delle luci, connotano la figura di profonde vibrazioni esistenziali.

Giorgio De Chirico, nato a Volo in Grecia nel 1888 è scomparso a Roma nel 1978. E’ il fondatore della pittura Metafisica. De Chirico recupera immagini già esistenti, usuali,nell’immaginario collettivo. Ma provoca un effetto di straniamento tramite il processo di spostamento, ovvero l’apparizione improvvisa di un oggetto fuori dal suo contesto abituale, o la condensazione, la fusione di più oggetti in un’unica entità. La Metafisica si caratterizza anche per il carattere illusorio delle sue immagini.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


LE OPERE

Follow Us

© 2020 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 01960870440