Attribuito Telemaco Signorini – Senza titolo

Attribuito Telemaco Signorini – Senza titolo

L’opera presenta sul retro una dichiarazione del nipote

  • Tecnica: Olio su tavola
  • Dimensione: 13x9

  • Codice prodotto: ASVA001

Visualizzazioni 313

DESCRIZIONE

L’opera presenta sul retro una dichiarazione della nipote di Telemaco Signorini

L’opera può essere definita una scena di genere, ovvero la rappresentazione di un episodio di vita quotidiana che, apparentemente, non ha alcun elemento significativo. Questo tipo di soggetti domestici furono a lungo considerati come minori e cominciarono a diffondersi, nell’arte occidentale, solo a partire dal XVII secolo. Solo con lo sviluppo delle correnti realistiche ottocentesche i soggetti della vita di tutti i giorni furono considerati della stessa importanza di quelli storici o religiosi. In particolare furono gli impressionisti a prediligere soggetti legati alla vita moderna in ambientazioni urbane e borghesi, mentre, in Italia, movimenti come quelli dei divisionisti o dei macchiaioli, si dedicarono a tematiche relative al lavoro ed alla vita nei campi. A questo tipo di tradizione, avendo fatto parte del gruppo dei macchiaioli, si ricollega anche l’esperienza di Telemaco Signorini. La sua produzione pittorica è composta soprattutto da scene di vita di campagna, dedicate al lavoro nei campi dove anche l’elemento paessagistico assume un ruolo da protagonista.

La tavola, che ha un carattere bozzettistico rispetto alla produzione ufficiale di Telemaco Signorini, mostra un lato insolito del grande artista macchiaiolo. Possiamo apprezzare, infatti, un Signorini più spontaneo ed istintivo, rispetto alle sue composizioni equilibrate. Il tratto con cui viene rappresentato questa piccola scena del mondo contadino è rapido e le forme prendono vita con pochi tocchi veloci. C’è, in poche parole, un prevalente carattere impressionistico che indica la volontà di realizzare un’opera nel pieno rispetto dell’estetica en plein air. Il colore è predominante, sia nella descrizione dello spazio, tramite variazioni tonali, che nella registrazione di tutte le vibrazioni luminose, con il fitto tratteggio della stesura.

Telemaco Signorini è stato un pittore fiorentino nato nel 1835 e scomparso nel 1901. E’ stato uno dei più importanti rappresentanti del gruppo dei Macchiaioli. La sua formazione pittorica iniziò sotto la guida del padre, pittore anche esso, poi nel 1852 si iscrisse all’Accademia di Belle Arti. Nel 1856, insofferente allo studio accademico, lasciò gli studi per dedicarsi direttamente alla pittura en plein air insieme a Odoardo Borrani e Vincenzo Cabianca. Fu un attivo partecipante degli incontri al Caffè Michelangelo. Per lo sviluppo del suo linguaggio pittorico sarà essenziale il viaggio a Parigi in cui incontrerà Courbet.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


LE OPERE

Follow Us

© 2021 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 02272650447