Beatrice Gallori – Drops

Beatrice Gallori – Drops

Gallori Beatrice

  • Tecnica: Tecnica mista
  • Dimensione: 20x28
  • Anno: 2014

  • Codice prodotto: UGIO001

Visualizzazioni 376

DESCRIZIONE

La produzione artistica di Beatrice Gallori prende necessariamente le mosse dallo Spazialismo. Nato nel 1946 con il Manifiesto Blanco di Lucio Fontana, questo movimento si poneva, innanzitutto, come una problematica relativa alla percezione dell’opera d’arte. Lo scopo dello Spazialismo è quello di superare definitivamente la superficie della tela per un’esperienza percettiva che coinvolga definitivamente lo Spazio. Da qui, dunque, l’applicazione di mezzi tecnici elettronici usati per la loro capacità di irradiare energia o l’uso di tecniche gestuali, come i buchi o i tagli, allo scopo sfondare la superficie dell’opera e invaderla con l’accidentalità del reale.

La strada intrapresa da Beatrice Gallori per superare definitivamente la dimensione dell’opera e invadere la realtà, guarda ai grandi maestri dello Spazialismo. L’artista, infatti, si rifà al concetto di tela estroflessa, al fine di creare il nuovo stimolo percettivo tramite un’opera in rilievo e i relativi giochi di ombre prodotti sulla superficie, nel momento in cui le sue opere presentano dei rigonfiamenti. Ma allo stesso tempo Beatrice Gallori ha anche ben presente Fontana, nello sfondamento del supporto per mezzo di buchi. L’originalità dell’artista consiste nel fatto che le sue opere hanno un’aspetto più biologico, meno razionalistico, sia nei rigonfiamenti che nei buchi, e le composizioni hanno un carattere più organico che si ispira ad un elemento naturale come la goccia. Per quanto riguarda il colore Beatrice Gallori si attiene alla monocromia come i grandi maestri. Tipico è il rosso intenso, uno dei colori preferiti da questa artista.

Beatrice Gallori nasce a Montevarchi nel 1978. Nel 2007 inizia la collaborazione con una galleria italiana e dal 2008 espone in collettive in spazi pubblici e privati. Partecipa ad ArtVerona 2011 e una sua installazione viene pubblicata in catalogo. A fine 2011 entra a far parte del progetto “ARTISTI A KM 0” presso il Museo di Arte Contemporanea Luigi Pecci, a Prato. Nel 2013, inizia l’importante collaborazione con la galleria Armanda Gori Arte (PO) che porta le sue opere in varie fiere presentandole ad un ampio pubblico. Il suo lavoro è in continua evoluzione e crescita. A fine 2013 viene presentata dalla Galleria Armanda Gori Arte e dal critico Valerio Dehò una sua importante mostra personale, dal titolo TIME LAPSE. Le sue opere sono presenti in vari collezioni private italiane ed internazionali.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


LE OPERE

Follow Us

© 2022 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 02272650447