Cafiero Filippelli – Barca

Cafiero Filippelli – Barca

Filippelli Cafiero

  • Tecnica: Olio su tavola
  • Dimensione: 35x25

  • Codice prodotto: MGOT003

Visualizzazioni 182

DESCRIZIONE

Il paesaggio è stato da sempre protagonista nella ricerca artistica, sia come ambientazione, come sfondo, ma anche come soggetto esso stesso. La descrizione naturalistica del paesaggio è stata una costante aspirazione per i pittori. Ogni periodo storico ha dato la propria interpretazione del paesaggio contribuendo all’evoluzione della sua descrizione: dapprima con una ricerca sullo spazio, tramite la prospettiva brunelleschiana nel primo Rinascimento; poi sulla resa atmosferica, nel Cinquecento; fino ad arrivare alla rappresentazione di ogni singola vibrazione della luce sugli oggetti nell’Impressionismo. In particolare quello della “marina” è un tema molto ricorrente tra gli artisti. Innanzitutto per il lirismo implicito nelle vedute che si affacciano sul mare o su romantiche immagini di porticcioli. In secondo luogo perché la rappresentazione di superfici acquatiche permette ai pittori di dare libero sfogo all’estro cromatico, grazie a raffinati giochi di riflessi e riverberi.

L’opera è significativa di un filone tematico seguito dal pittore livornese Cafiero Filippelli relativo alla rappresentazione della realtà popolare della città di Livorno e della sua tradizione marinara. A livello formale spiccano le peculiarità della scuola Labronica, di cui Cafiero Filippelli è un esimio rappresentante. E’ la macchia, densa di colore, a costruire il soggetto dando alla pennellata un certo valore strutturale. La pittura a macchia permette all’artista di modulare perfettamente la superficie dell’acqua, registrandone tutti i riverberi della luce ed i riflessi degli oggetti circostanti in una trasposizione fedele ma, allo stesso tempo, viva e vibrante. La superficie viene unificata in una coerenza tonale di colori tendenzialmente freddi.

Cafiero Filippelli è stato un pittore livornese vissuto tra il 1889 e il 1973. Si è formato presso l’Accademia di Firenze entrando in contatto con Giovanni Fattori e sviluppando un proprio linguaggio in linea con la tradizione toscana macchiaiola. Cafiero Filippelli fu un importante membro del Gruppo Labronico e partecipò a diverse edizioni della Biennale di Venezia e della Quadriennale di Roma. Suoi soggetti preferiti sono gli interni illuminati da lampade ma non disdegnò le marine affollate e piene di luce.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


LE OPERE

Follow Us

© 2021 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 01960870440