Cangi – Senza titolo

Cangi – Senza titolo

Cangi

  • Tecnica: Olio su tela
  • Dimensione: 68x48

  • Codice prodotto: EORL001

Visualizzazioni 223

DESCRIZIONE

Il paesaggio è stato da sempre protagonista nella ricerca artistica, sia come ambientazione, come sfondo, ma anche come soggetto esso stesso. La descrizione naturalistica del paesaggio è stata una costante aspirazione per i pittori. Ogni periodo storico ha dato la propria interpretazione del paesaggio contribuendo all’evoluzione della sua descrizione: dapprima con una ricerca sullo spazio, tramite la prospettiva brunelleschiana nel primo Rinascimento; poi sulla resa atmosferica, nel Cinquecento; fino ad arrivare alla rappresentazione di ogni singola vibrazione della luce sugli oggetti nell’Impressionismo. In questo caso specifico ci troviamo di fronte ad una bellissima prova di paesaggio rurale e il soggetto dell’opera è costituito da un suggestivo scorcio di un borgo di campagna. La scelta è perfettamente in linea con l’ambiente di provenienza dell’artista autore dell’opera, Enzo Cangi. L’opera è infatti ispirata alla visione di una Toscana contadina fatta di piccoli borghi di poche abitazioni contadine, solitari, in cui la presenza umana risulta quasi o del tutto assente. Conseguentemente Enzo Cangi si ricollega ad una lunga tradizione della pittura toscana che parte dall’interesse per i soggetti rurali degli artisti del gruppo dei Macchiaioli nella seconda metà del XIX secolo, fino ai borghi solitari, immortalati in un razionalismo quasi metafisico da Ottone Rosai.

L’esecuzione dell’opera risulta molto particolare e suggestiva, vista la scelta dell’artista di optare per il monocromo. Enzo Cangi, dunque, rinuncia al colore, ma il paesaggio non ne risente in espressività, trovando, anzi, particolare vigore nella qualità della pennellata del pittore toscano. La base tonale terrosa imposta il dipinto su una forte suggestione di tipo contadino e rurale, la cui semplicità di valori viene ribadita dall’esecuzione minimale che riduce gli oggetti all’essenziale. Tuttavia, grazie ad un tipo di esecuzione strutturale, gli edifici sono plasticamente rilevati in uno spazio concreto. Già nella struttura compositiva del dipinto Cangi rileva la profondità, impostando la veduta sulla stretta curva della strada, racchiusa a destra da un muro e a sinistra dal gruppo di case. Con una leggera sovrapposizione di pennellate larghe l’artista individua le irregolarità del selciato, il quale così appare concreto benché non supportato da alcun elemento disegnativo. Gli edifici sono rilevati con poche linee essenziali che ne risaltano la loro struttura geometrica di parallelepipedi. Vi è un profondo senso razionale della composizione, ridotta al minimo e lucidamente calcolata, che sicuramente guarda ad Ottone Rosai. Le scarne pennellate, oltre a costruire gli oggetti, ne individuano le ombre tramite un tratteggio molto mosso. In questo modo tutta la composizione è carica di una sua vitalità vibrante, avvertibile, in particolar modo, nelle chiome frementi degli alberi e nelle erbacce ai margini del selciato.

Enzo Cangi è stato un pittore originario di Pieve Santo Stefano, in provincia di Arezzo, nato nel 1938 e scomparso nel 1974. La ricerca di Enzo Cangi si è distinta soprattutto nello sviluppo di una pennellata che nasce come post- impressionistica ma che arriva a caricare gli oggetti raffigurati di vibrazioni esistenziali. In questo senso un sicuro modello di riferimento sarà stato Giorgio Morandi, come possiamo intuire dalla ricca produzione di nature morte di vasellame e bottiglie. Altro grande filone di cui è ricca l’attività di Enzo Cangi è quello del paesaggio rurale tipicamente toscano, legato soprattutto al realismo minimale e razionalista di Ottone Rosai.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


LE OPERE

Follow Us

© 2020 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 01960870440