Eliano Fantuzzi – Senza titolo

Eliano Fantuzzi – Senza titolo

Fantuzzi Eliano

Il genere della “Natura Morta” vede la luce agli inizi del XVII secolo. Consiste nella rappresentazione di composizioni di soggetti inanimati, nella maggior parte dei casi fiori o frutta. Se all’inizio della sua storia era un’occasione per i pittori per cimentarsi in una riproduzione naturalistica o fotografica della realtà, con l’arte contemporanea la “Natura Morta” […]

  • Tecnica: Olio su tela
  • Dimensione: 70,5x40
  • Anno: 1957

  • Certificato: Autenticità verificata presso l'Archivio Fantuzzi
  • Codice prodotto: meuf001

Visualizzazioni 988

DESCRIZIONE

Il genere della “Natura Morta” vede la luce agli inizi del XVII secolo. Consiste nella rappresentazione di composizioni di soggetti inanimati, nella maggior parte dei casi fiori o frutta. Se all’inizio della sua storia era un’occasione per i pittori per cimentarsi in una riproduzione naturalistica o fotografica della realtà, con l’arte contemporanea la “Natura Morta” diventa anche un modo di interpretare la realtà. Infatti, come accadrà per esempio nell’avanguardia cubista o in Giorgio Morandi, la ricerca profonda sugli oggetti verrà finalizzata ad una rappresentazione concettuale, portata oltre il semplice dato sensibile.

Lo stile di Fantuzzi si pone a metà strada tra un espressionismo che sintetizza le figure, deformandole elegantemente in forme allungate, e una certa tendenza alle ambientazioni solitarie e malinconiche che rasentano la metafisica. Anche in questa opera, in cui l’artista si distoglie momentaneamente dalle sue celebri ambientazioni metropolitane, il suo linguaggio espressionista rimane immutato. Nella gamma cromatica prevalgono, come al solito, toni freddi o caldi (come in questo caso) a seconda della sensazione che l’artista vuole esprimere. Dal punto di vista formale il processo di sintesi viene accentuato anche da un notevole pittoricismo nella costruzione dell’immagine, la quale fa affidamento soprattutto sulla stesura del colore. Quindi lo spazio tende ad appiattirsi, a diventare bidimensionale, e gli oggetti prendono vita in un esecuzione vibrante e dinamica. In questa particolare opera, inoltre, il soggetto della natura morta induce Fantuzzi ad effettuare quasi una scomposizione geometrica nell’indagine dei soggetti e nella costruzione dello spazio, sempre condotta mediante il suo espressionismo del colore.

Eliano Fantuzzi è nato a Modena nel 1909 ed è scomparso nel 1989. Ha trascorso l’infanzia a Verona, dove si era trasferito con la sua famiglia e dove ha frequentato l’accademia d’arte Cignaroli. Fondamentale per la sua formazione fu l’esperienza a Parigi, dove arrivò per studiare l’Impressionismo e dove apprese, invece, l’Espressionismo. Le sue ambientazioni notturne, in cui prevalgono i toni del blu e del viola, sono state influenzate pittoricamente anche dalla “Scuola Romana”. Ha partecipato alla Quadriennale di Roma e alla Biennale di Venezia.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


Follow Us

© 2024 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 02272650447