Ennio Morlotti – Rose

Ennio Morlotti – Rose

Morlotti Ennio

  • Tecnica: Acquaforte
  • Dimensione: 13,7x14,8
  • Anno: 1985

  • Certificato: si
  • Tiratura: 64/65
  • Codice prodotto: ASBU004

Visualizzazioni 355

DESCRIZIONE

I fiori o le piante in generale come soggetto autonomo cominciano a comparire all’interno delle “nature morte”, genere che vede la luce agli inizi del XVII secolo. In seguito l’attenzione dei pittori per il mondo floreale e vegetale, soprattutto con gli impressionisti, si fa sempre maggiore, in quanto occasione straordinaria per catturare vibrazioni cromatiche e luminose. Così i fiori e le piante vengono rappresentati non solo nei vasi, ma anche immersi nel loro paesaggio naturale. Se all’inizio della sua storia era un pretesto per i pittori per cimentarsi in una riproduzione fotografica della realtà, con l’arte contemporanea il soggetto dei fiori e delle piante diventa anche un modo di interpretare la realtà.

L’opera fa parte di una serie di incisioni nelle quali Morlotti, a differenza dell’astrazione dei lavori annoverabili nella corrente dell’”Ultimo Naturalismo”, non arriva ad un’estetica informale ma, anzi, si sofferma ad indagare la struttura dei soggetti, che siano figure umane o fiori. Infatti possiamo constatare come, in queste incisioni, Ennio Morlotti esalti il plasticismo dei soggetti, realizzandoli con un segno grafico deciso e collocandoli in uno spazio tridimensionale e complesso. Così come complessa, tuttavia, risulta l’esecuzione che ci riporta ad un carattere compiutamente contemporaneo del fare artistico di Morlotti. Il tratto è decisamente mosso, carico di vibrazioni esistenziali che percorrono i soggetti e lo spazio in cui interagiscono.

Ennio Morlotti (Lecco 1910- Milano 1992). Nel 1937, soggiornando per un breve periodo a Parigi, conosce Cézanne, il fauvismo e gli espressionismi di Soutine e Georges Rouault. All’Esposizione Internazionale di Parigi, rimane profondamente colpito da Picasso e dalla sua Guernica. Al ritorno in Italia si trasferisce a Milano e si iscrive all’Accademia di Belle Arti di Brera. Ha poi dipinto le sue prime opere. Nel 1939 entra a far parte del gruppo di pittori della rivista Corrente con Ernesto Treccani, Renato Guttuso, Renato Birolli e Bruno Cassinari. Dopo un secondo soggiorno a Parigi nel 1947, ha partecipato al Fronte Nuovo delle Arti e dopo la scissione tra Cassinari e Birolli aderito al Gruppo degli Otto di Lionello Venturi, fondato nel 1952 e sciolto nel 1954. Rappresentante di una sorta di naturalismo informale e lirico, i suoi soggetti preferiti sono paesaggi, nature morte e nudi.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


LE OPERE

Follow Us

© 2022 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 02272650447