Enzo Infante – Paesaggio marino

Enzo Infante – Paesaggio marino

Infante Enzo

  • Tecnica: Olio su tela
  • Dimensione: 68x48

  • Codice prodotto: GRAD001

Visualizzazioni 2262

DESCRIZIONE


Enzo Infante nacque a Gioi Cilento nel 1909, da dove partì per gli studi prima al Liceo Artistico di Salerno e poi all'Accademia delle Belle Arti di Napoli. Iniziò, seguito dai suoi maestri, la ricerca nel campo pittorico ed in pochi anni riuscì a far conoscere le sue interpretazioni attraverso varie mostre nel salernitano, ma le ristrettezze economiche del tempo lo spinsero a seguire i programmi coloniali dell'epoca e si trasferì in Eritrea, successivamente in Etiopia, dove iniziò l'impegno di decoratore ad Addis Abeba. E fu proprio qui che incominciò a lavorare alle decorazioni ed affreschi per la nuova reggia di Aile Selassiè, che lo videro impegnato per vari anni. In quest'area coloniale rimase attivo per un decennio, poi allo scoppio delle ostilità belliche dovette partire abbandonando lo studio ed ogni cosa, come egli stesso ripeteva nei suoi racconti. Negli anni 1933-34 partecipò ai lavori di decorazione del Teatro Verdi di Salerno con i già famosi maestri Mario e Pasquale Avallone. Durante la ristrutturazione del palazzo della provincia di Salerno, venne chiamato per restaurare e completare la tela della volta del salone. Dopo gli anni salernitani, ricchi di confronto ed esperienze espositive, come la mostra al Liceo Tasso per la venuta a Salerno dei Reali d'Italia, si forma la sua policroma tavolozza, osservando da vicino le esposizioni dei maestri costaioli tra Napoli e Salerno. Successivamente il suo trasferimento a Cava dei Tirreni fu ricco di esperienze e nuove commissioni, oltre a stringere amicizie importanti come con il caposcuola salernitano Clemente Tafuri, che in quegli anni aveva terminato i capolavori nel municipio Metelliano. L'inquietezza e la voglia di confronto ed esperienze nuove lo portò nel 1957 a stabilirsi con la famiglia a Livorno, in quegli anni città crogiuolo di pittori che da ogni parte della Toscana si confrontavano al famoso Premio La Rotonda, ed ancora il rilancio della Scuola Labronica che ebbe un grande seguito ancora per tutti gli anni 70. La permanenza di Infante a Livorno durò 30 anni, con uno studio molto frequentato in via Grande 155, sempre attivo fino al 1977, anno in cui decise di tornare nella natia Gioi. La lunga permanenza in Toscana coincise con la piena maturità dell'artista, che concretizzò oltre ottanta personali ed innumerevoli partecipazioni a premi e collettive, unitamente ad altri maestri. Le sue ENZO INFANTE opere figurano in molte collezioni pubbliche e private: Musei, Società Commerciali, Palazzi Diocesani, Chiese, Enti pubblici, banche ed Ambasciate Estere. Mostre tenute: nell'arco di quasi settant'anni di pittura, più di cento Esposizioni Personali tenute solo in Italia , ed numerose collettive sia in Italia che in altre nazioni. Fra tanti premi a cui ha partecipato e fra i riconoscimenti più ambiti: La Mostra nazionale"Modigliani" Boscoreale Napoli; Premio Sant Ambroeus Milano 1972; Mostra di arte Sacra Piacenza 1973; Premio Arte Sacra S. Margherita Ligure 1971; Premio Ritratto dell'anno Genova 1972; Gran Premio GenovaSaragozza -Madrid organizzato dalla galleria di Palazzo Doria Genova 1973. Si ricordano le sue esposizioni per oltre un decennio nella Galleria "Chierecato" di Milano.

RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


Follow Us

© 2024 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 02272650447