Eugenio Degani – Senza titolo

Eugenio Degani – Senza titolo

Degani Eugenio

  • Dimensione: 52x44

  • Codice prodotto: MCAP001

Visualizzazioni 865

DESCRIZIONE

Il paesaggio è stato da sempre protagonista nella ricerca artistica, sia come ambientazione, come sfondo, ma anche come soggetto esso stesso. La descrizione naturalistica del paesaggio è stata una delle maggiori aspirazioni per gli artisti di ogni epoca. Ogni periodo storico ha dato la propria interpretazione del paesaggio contribuendo all’evoluzione della sua descrizione: dapprima con una ricerca sullo spazio, tramite la prospettiva brunelleschiana nel primo Rinascimento; poi sulla resa atmosferica nel Cinquecento; fino ad arrivare alla rappresentazione di ogni singola vibrazione della luce sugli oggetti nell’Impressionismo.

L’opera è un chiaro esempio di paesaggio espressionista. La realtà viene interpretata in modo estremamente sintetico, con un esercizio di riduzione quasi brutale. La superficie è completamente bidimensionale, senza concedere nulla alla profondità spaziale. L’artista lascia una traccia allo spettatore per inquadrare il soggetto nella rappresentazione, piuttosto concreta, del ponte. Ma tutto il resto è espressività pura del colore e del gesto del pittore. Tutta la percezione di Eugenio Degani, rispetto al paesaggio urbano, viene trasfigurata in un turbinio di pennellate larghe e di velature sovrapposte di colore. L’artista, però, in questa concitazione espressiva, mantiene sempre ordine ed equilibrio nella composizione, unificando l’intera superficie in tonalità dominanti di colore.

Eugenio Degani è stato un pittore veronese, nato nel 1923 e scomparso nel 2000. Si formò sotto la guida del maestro Trentini presso l’Accademia Cignaroli. Negli anni ’50 collaborò con Giuseppe Marchiori e Renato Birolli. Nel 1951 partecipò alla Biennale di Verona e nel 1955 alla Quadriennale di Roma. Si fece conoscere soprattutto nel 1957 grazie alla mostra itinerante “Giovane Pittura Italiana” che toccò città estere come Mosca, Praga, Budapest e Sofia. Nel 1961 si trasferì a Parigi entrando in contatto con la Scuola di Nizza e il Noveau Realisme grazie alla conoscenza di Arman.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


Follow Us

© 2024 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 02272650447