Fausto Santoni – Clown

Fausto Santoni – Clown

Santoni Fausto

  • Tecnica: Olio su cartoncino
  • Dimensione: 40x30
  • Anno: 2001

  • Codice prodotto: MCAR001

Visualizzazioni 581

DESCRIZIONE

Il clown è un soggetto popolarissimo tra i pittori di genere degli anni ’70 e ’80. Vi sono molti artisti che hanno dedicato gran parte della loro carriera alla rappresentazione di questo tema, un esempio tra tutti Romano Mussolini. Solitamente l’interpretazione di questo soggetto è simile per tutti gli artisti che vi si cimentano: il clown appare con il suo trucco atto a suscitare risa e ilarità, ma si mostra invece con un’espressione malinconica. Tale contrasto ha lo scopo di suscitare un dialogo empatico con l’osservatore. Il soggetto del clown è stato preferito da molti pittori anche per un’altra motivazione di carattere formale. Infatti il suo trucco vistoso e le sue vesti variopinte offrono ai pittori un pretesto per realizzare originali armonie di colori.

Il linguaggio pittorico di Fausto Santoni, come possiamo constatare anche in questa figura di Clown, si muove sempre sul terreno di uno schietto realismo il quale, però, viene ammantato dal pittore di un delicato lirismo impressionistico. Infatti la rappresentazione del soggetto viene condotta in modo assolutamente sincero, senza alcuna sorta di idealizzazione. Il rapporto con lo spettatore è diretto, carico di una forte caratterizzazione espressiva e fisionomica. Inoltre la figura è molto concreta, connotata di una propria volumetria che determina lo spazio dell’opera. Dal punto di vista pittorico la stesura del colore, poi, risulta estremamente mossa dinamica, dai risvolti impressionistici. In questo modo la rappresentazione del clown risulta carica di vibrazioni che non sono solamente luminose ma anche esistenziali. Il soggetto allora, nel suo profondo realismo, viene trasfigurato in una dimensione più poetica determinata dal suo stesso essere. Per quanto riguarda la scelta dei colori Fausto Santoni propende per un impasto di tonalità chiare che garantiscono grande coerenza ed armonia alla superficie pittorica.

La carriera pittorica di Fausto Santoni, pittore romano, inizia a 16 anni, quando giovanissimo viene assunto come scenografo a Cinecittà. In seguito, diventato direttore delle scenografie, lavorerà con registi come Fellini, Zeffirelli, Visconti e Magni. Fausto Santoni ha lavorato anche per il teatro. Ma Fausto Santoni è stato anche un grande pittore, la cui produzione, piuttosto varia, è stata sempre legata alla sua attività di scenografo. Molte sue opere sono state donate e sono tuttora esposte in molte chiese italiane. Ha esposto in varie città italiane tra cui: nella sua Roma presso il Palazzo Barberini, a Siena, presso l’Accademia dei Rozzi, a Sirmione nel Palazzo Civico, ad Olbia presso la Biblioteca Simpliciana. Ha vinto moltissimi premi tra i quali ricordiamo due primi premi in una collettiva organizzata dal periodico “La Zattera” di Viareggio nel 1976/77 rispettivamente per il “Verismo “ e “L’acquarello” e nel 1978 il primo premio assoluto “Colori di Roma”. Importante il primo premio che gli è stato riconosciuto per l’Arte Sacra in una collettiva indetta dall’Accademia Tiberina nelle sale del Bramante in Piazza del Popolo a Roma in ricordo dell’800mo anniversario della nascita di S. Francesco d’Assisi.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


LE OPERE

Follow Us

© 2022 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 02272650447