Francesco Menzio – Senza titolo

Francesco Menzio – Senza titolo

Menzio Francesco

  • Tecnica: Grafica
  • Dimensione: 40x32

  • Tiratura: Prova d'autore
  • Codice prodotto: IPET012

Visualizzazioni 132

DESCRIZIONE

Il dipinto può essere definito una scena di genere, ovvero la rappresentazione di un episodio di vita quotidiana che, apparentemente, non ha alcun elemento significativo. Questo tipo di soggetti domestici furono a lungo considerati come minori e cominciarono a diffondersi, nell’arte occidentale, solo a partire dal XVII secolo. Solo con lo sviluppo delle correnti realistiche ottocentesche i soggetti della vita di tutti i giorni furono considerati della stessa importanza di quelli storici o religiosi.

Quest’opera grafica di Francesco Menzio, dal punto di vista formale, mostra un forte legame con le estetiche pop. Infatti la figura e lo spazio che l’accoglie vengono realizzati con un disegno conciso ed asciutto che esalta i valori plastici, il quale si rifà palesemente al linguaggio del fumetto o del design. Questa operazione viene condotta da Menzio con una linea agile e dinamica che, pur essenziale, concede vivacità e personalità alla scena.

Francesco Menzio (Tempio Pausania, 1899 – Torino, 1979). Dalla natia Sardegna si trasferì, con la famiglia, a Torino nel 1912. Iniziò a dipingere al ritorno dalla prima guerra mondiale. Frequentò poi lo studio di Felice Casorati. Nel 1923 espose, per la prima volta, alla Galleria Pesaro di Milano. Nel 1928 partecipò alla Biennale di Venezia. Nello stesso anno si recò a Parigi, dove venne a contatto con la pittura degli Impressionisti e dei Fauves. Tornato a Torino aderì al gruppo dei “Sei di Torino” con Enrico Paulucci, Gigi Chessa, Carlo Levi, Nicola Galante e Jessie Boswell. Nel 1930 lasciò il gruppo dei “Sei” e tornò a Parigi, dove conobbe Amedeo Modigliani. Nel 1937 espose alla Sala della Stampa di Torino e alla Galleria del Milione a Milano. Nel 1942 vinse il premio Bergamo. Dal 1951 iniziò ad insegnare all’Accademia Albertina. Nel 1956 eseguì un’opera dal titolo Bambini tra gli alberi nella galleria all’aperto dell’affresco di Arcumeggia. Nel 1958 tenne una mostra personale alla Biennale di Venezia.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


Follow Us

© 2022 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 02272650447