Franco Colella – Pastorello con gregge

Franco Colella – Pastorello con gregge

Colella Franco

Il dipinto può essere definito una scena di genere, ovvero la rappresentazione di un episodio di vita quotidiana che, apparentemente, non ha alcun elemento significativo. Questo tipo di soggetti domestici furono a lungo considerati come minori e cominciarono a diffondersi, nell’arte occidentale, solo a partire dal XVII secolo. Solo con lo sviluppo delle correnti realistiche […]

  • Tecnica: Olio su tela
  • Dimensione: 50x58

  • Codice prodotto: DMEM001

Visualizzazioni 595

DESCRIZIONE

Il dipinto può essere definito una scena di genere, ovvero la rappresentazione di un episodio di vita quotidiana che, apparentemente, non ha alcun elemento significativo. Questo tipo di soggetti domestici furono a lungo considerati come minori e cominciarono a diffondersi, nell’arte occidentale, solo a partire dal XVII secolo. Solo con lo sviluppo delle correnti realistiche ottocentesche i soggetti della vita di tutti i giorni furono considerati della stessa importanza di quelli storici o religiosi.

Lo stile dell’artista Franco Colella presenta una perfetta fusione tra realismo e una delicata resa impressionistica dei dati sensibili. Infatti da una parte l’artista procede ad una precisa descrizione della veduta, della scena o, in generale, del soggetto prescelto, descrivendolo in tutti i suoi particolari, con un forte senso per una realtà quotidiano ed immediata, fatta di un vissuto semplice. Dall’altra la sua raffinata tecnica pittorica gli permette di trasferire sulla tela un senso di freschezza, grazie ad una pennellata rapida e carica di vibrazioni atmosferiche. La luce così si riverbera sugli oggetti, ma senza interferire con la descrizione puntuale della realtà. Tutta la composizione risulta connotata, dunque, da una luminosità opaca che si palesa anche nel gioco delle ombre. È finalizzato a questo scopo anche l’uso di una tavolozza dai colori tenui e delicati.

Franco (o Francesco) Colella (Bari 1900 – 1979) è stato un pittore essenzialmente autodidatta, anche se in adolescenza frequentò la scuola di Michele Galiani. Il suo primo esordio verso il pubblico di Bari fu nel 1919 ad una collettiva pugliese e nel 1925, sempre a Bari, fu organizzata la sua prima personale, che fu accolta molto favorevolmente dal collezionismo meridionale. Nel 1946 si ebbe una sua prima mostra a Roma, dove espose annualmente fino agli ultimi anni di vita. Dal 12 al 26 febbraio è stata tenuta a Bari una sua mostra retrospettiva. Diverse sue opere sono presenti presso La Pinacoteca Metropolitana di Bari.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


Follow Us

© 2024 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 02272650447