Gianfranco Motton – Nevicata nel Ticino

Gianfranco Motton – Nevicata nel Ticino

Motton Gianfranco

  • Tecnica: Olio su tela
  • Dimensione: 40x50
  • Anno: 1982

  • Certificato:
  • Codice prodotto: mrib002

Visualizzazioni 300

DESCRIZIONE

Il paesaggio è stato da sempre protagonista nella ricerca artistica, sia come ambientazione, come sfondo, ma anche come soggetto esso stesso. La descrizione naturalistica del paesaggio è stata una delle maggiori aspirazioni per gli artisti di ogni epoca. Ogni periodo storico ha dato la propria interpretazione del paesaggio contribuendo all’evoluzione della sua descrizione: dapprima con una ricerca sullo spazio, tramite la prospettiva brunelleschiana nel primo Rinascimento; poi sulla resa atmosferica nel Cinquecento; fino ad arrivare alla rappresentazione di ogni singola vibrazione della luce sugli oggetti nell’Impressionismo.

Per l’artista Gianfranco Motton rappresentare il paesaggio significa raggiungere, tramite il mezzo pittorico, una delicata fusione tra resa naturalistica e poesia. Infatti le sue vedute, in cui usa un linguaggio schiettamente figurativo, restano ancorate ai dati sensibili. Tuttavia la realtà sembra essere trasfigurata in una sua interpretazione lirica che quasi la trasferisce in una dimensione onirica. Tutto ciò viene tradotto, dal punto di vista formale, in un fare pittorico molto delicato dove la rappresentazione della realtà avviene in modo rarefatto. Ciò vuol dire che la registrazione dei dettagli e dei particolari realistici si perde a favore di un linguaggio tendenzialmente più espressionistico e simbolico. È complice, in questo percorso, il raffinato tocco pittorico di Gianfranco Motton, il quale sintetizza gli oggetti con grande delicatezza. E così anche la gamma coloristica si distingue per una delicatissima tendenza antinaturalistica per cui l’immersione in tonalità predominanti, stese in grandi campiture cromatiche, individua la sensibilità poetica dell’artista e la sua interpretazione quasi onirica del paesaggio.

Gianfranco Motton nasce ad Adria (Rovigo) nel 1934. Il forte interesse per la pittura l’orienta a Milano, dove si stabilisce nel 1956. Frequenta l’accademia di Brera, sotto la guida di Cantatore e Salvadori. Nel 1956 viene invitato alla Triveneta d’Arte di Padova e alla Bevilacqua La Masa, Biennale di Venezia per giovani artisti. Da allora ha tenuto oltre 60 personali. Nel 1958 viene invitato a Ivrea, dove tiene una personale al Centro Culturale Olivetti, e dove il Comm. Adriano Olivetti gli commissiona alcuni lavori. Ha insegnato ornato e disegnato presso il Liceo artistico di Busto Arsizio. Ha collaborato come scenografo alla RAI. E’ stato presente alle maggiori rassegne artistiche nazionali e internazionali. Ha ottenuto importanti riconoscimenti: sue opere figurano in collezioni pubbliche e private. Vive e opera a Milano.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


Follow Us

© 2024 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 02272650447