Giorgio de Chirico – La scuola di gladiatori

Giorgio de Chirico – La scuola di gladiatori

De Chirico Giorgio

L’iconografia di questa opera è ispirata ad un consapevole citazionismo classicista. Il linguaggio artistico guarda all’antichità classica, greca e romana. Tutto ciò si traduce in un’esecuzione che ha come obiettivo principale quello della mimesi, ovvero il bisogno dell’uomo di imitare, riprodurre la natura, ciò che lo circonda. Tuttavia assistiamo qui ad una rielaborazione del maestro […]

  • Tecnica: Litografia su argento
  • Dimensione: 30x24
  • Anno: 1981

  • Certificato: Sul retro autentica de La Connaisseur du Livre con timbro e sigillo.
  • Stato di conservazione: Ottimo
  • Codice prodotto: SRIN001

Visualizzazioni 1394

DESCRIZIONE

L’iconografia di questa opera è ispirata ad un consapevole citazionismo classicista. Il linguaggio artistico guarda all’antichità classica, greca e romana. Tutto ciò si traduce in un’esecuzione che ha come obiettivo principale quello della mimesi, ovvero il bisogno dell’uomo di imitare, riprodurre la natura, ciò che lo circonda. Tuttavia assistiamo qui ad una rielaborazione del maestro De Chirico, affinchè anche il soggetto classico provochi una sensazione di straniamento, in linea con l’estetica metafisica.

Il citazionismo classicista è una delle componenti fondamentali dell’estetica di Giorgio De Chirico. Spesso, secondo le istanze della Metafisica, la citazione classica o archeologica viene collocata in un contesto inusuale con effetto straniante. In questo caso ci troviamo di fronte ad un’opera in cui l’autore imprime un proprio marchio di fabbrica, ovvero la presenza di un elemento arcaico, proveniente da una galleria di immagini del passato. Però De Chirico sconvolge la composizione: i soggetti benchè plausibili, sono affastellati in un spazio non plausibile. L’artista ha costruito una scatola spaziale razionale, in cui il movimento dei personaggi è invece irrazionale. Su queste contraddizioni si gioca la volontà di De Chirico di comporre un’opera enigmatica e straniante.

Giorgio De Chirico, nato a Volo in Grecia nel 1888 è scomparso a Roma nel 1978. E’ il fondatore della pittura Metafisica. De Chirico recupera immagini già esistenti, usuali,nell’immaginario collettivo. Ma provoca un effetto di straniamento tramite il processo di spostamento, ovvero l’apparizione improvvisa di un oggetto fuori dal suo contesto abituale, o la condensazione, la fusione di più oggetti in un’unica entità. La Metafisica si caratterizza anche per il carattere illusorio delle sue immagini.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


LE OPERE

Follow Us

© 2020 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 01960870440