Lillo Messina – Senza titolo

Lillo Messina – Senza titolo

Messina Lillo

  • Tecnica: Olio su tela
  • Dimensione: 50x40

  • Certificato: No
  • Codice prodotto: fbur001

Visualizzazioni 210

DESCRIZIONE

Il paesaggio è stato da sempre protagonista nella ricerca artistica, sia come ambientazione, come sfondo, ma anche come soggetto esso stesso. La descrizione naturalistica del paesaggio è stata una delle maggiori aspirazioni per gli artisti di ogni epoca. Ogni periodo storico ha dato la propria interpretazione del paesaggio contribuendo all’evoluzione della sua descrizione: dapprima con una ricerca sullo spazio, tramite la prospettiva brunelleschiana nel primo Rinascimento; poi sulla resa atmosferica nel Cinquecento; fino ad arrivare alla rappresentazione di ogni singola vibrazione della luce sugli oggetti nell’Impressionismo. La ricerca artistica del pittore Lillo Messina si è focalizzata sul soggetto del paesaggio d’ispirazione marinara. Nelle sue vedute di spiagge solitarie e moli compaiono relitti, ancore abbandonate, scogliere e gabbiani

Nella sua vasta produzione dedicata al paesaggio marinaro l’artista Lillo Messina si è spostato sempre di più da un linguaggio figurativo verso una progressiva astrazione dei dati sensibili. Nell’opera in oggetto ci troviamo di fronte, chiaramente, ad un tipo di rappresentazione che ha ancora uno stretto legame con la realtà. Ma tale realtà, tuttavia, è figlia di un’interpretazione simbolica da parte dell’artista, che la trasferisce in una dimensione che ha sicuramente a che vedere con la metafisica. Ciò è ravvisabile soprattutto nella composizione, connotata da una forte dose di razionalismo ed oggettività. Tutto ha un evidente carattere geometrico ed essenziale che trasferisce questa spiaggia in un’atmosfera immobile e senza tempo. Tuttavia Lillo Messina non arriva agli eccessi paradossali di un De Chirico, per derubricare il proprio mondo, piuttosto, ad un realismo magico di grande ispirazione marinara.

Lillo Messina nasce nel 1941 a Messina. Il legame con il mare è stato reso ancor più intenso dalla tradizione famigliare: il nonno, il padre e gli zii, erano tutti uomini di mare. Nella stessa città inizia gli studi artistici presso l ‘Istituto d’Arte, proseguiti poi a Reggio Calabria. Nel 1961 si trasferisce a Roma per frequentare l’Accademia di Belle Arti. Nel 1964 tiene la sua prima personale, Presso la Galleria San Marco di Roma. Nel 1969 inizia una lunga serie di mostre personali che lo portano in varie città italiane. Nel 1972 Personale alla Galleria Il Molino di Roma, a cui segue una alla Galleria Valguarnera di Bagheria e infine un’altra personale a Catania nella Galleria Il Punto. Oltre a varie mostre in diverse città italiane, nel 1974, espone per la prima volta alla Bedford House Gallery di Londra. Partecipa, in seguito, alla Mostra “Giornate Italiane a Mosca e nell’URSS”. Nel 1983 gli viene commissionata un’opera per il Gasdotto Transmediterraneo la cui illustrazione viene pubblicata sulla rivista “Ecos” a cura dell’ENI. Il mare, già presente nelle sue opere sin dalla metà degli anni settanta, diventa sempre il protagonista assoluto delle sue opere.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


LE OPERE

Follow Us

© 2022 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 02272650447