Luciano Minguzzi – La Pavoncella

Luciano Minguzzi – La Pavoncella

Minguzzi Luciano

  • Tecnica: Bassorilievo in bronzo e smalto policromo
  • Dimensione: cm 31
  • Anno: 1994

  • Certificato: Autenticità
  • Tiratura: 246/750

Visualizzazioni 877

DESCRIZIONE


Minguzzi Luciano (Bologna 1911 - Milano 2004).

La sua scultura è stata, sin dall'inizio, carica di capacità espressive e di possibilità narrative; rimeditazione degli antichi, suggestioni dell'ultimo Arturo Martini e influssi di Manzù e Marino Marini confluiscono in un modellato tattile e istintivo (Eva, 1938; Capricci, 1942).

Nelle opere del dopoguerra, l'esempio di Picasso ha ulteriormente stimolato questa tensione vitale in termini di fisicità violenta e di intenso, gustoso racconto popolare. Da ricordare le forme compatte e dinamicamente articolate dei suoi Acrobati, dei suoi Contorsionisti e dei suoi corpi umani o di animali costretti o irretiti in gabbie e reticolati, come il Cane fra le canne in bronzo del '50; dopo di che si apre una fase che, anche per suggestione della contemporanea scultura inglese, dà luogo alle apparizioni, svincolate da ogni verosimiglianza anatomica, di misteriosi Personaggi dalle laminari sagome dialoganti nel mutevole gioco delle ombre e delle luci ed ai labili equilibri degli Aquiloni volteggianti nello spazio. Ma il vigoroso istinto plastico del Minguzzi ha ripreso il sopravvento e da queste incorporee fantasie è passato alle dense e gremite formelle, di una squadrata saldezza e costruttività di sapore romantico, nelle quali ha dato evidenza narrativa ai Fasti del Duomo di Milano per la quarta porta di questo (1965) e negli incisivi e drammatici, quasi spiritati, rilievi della Porta del Bene e del Male per la Basilica di San Pietro (1970-77), mentre la tragica sorte dell'umanità nei campi di concentramento, veniva da lui rievocata dal '65 in poi nelle grandi composizioni in ferro e bronzo intitolate all'Uomo del Lager, in cui fantomatiche immagini si ergono immobili entro i nudi vani, squallide scatole spaziali che le imprigionano.

Minguzzi è morto il 30 maggio 2004 all'ospedale di Milano.

 

RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


LE OPERE

Follow Us

© 2020 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 01960870440