Luciano R. Fabbri – Dittico “Le Vele”

Luciano R. Fabbri – Dittico “Le Vele”

Fabbri Luciano R.

  • Tecnica: Olio su tavoletta di legno
  • Dimensione: 32x40

  • Certificato: No
  • Codice prodotto: iman001

Visualizzazioni 220

DESCRIZIONE

Il paesaggio è stato da sempre protagonista nella ricerca artistica, sia come ambientazione, come sfondo, ma anche come soggetto esso stesso. La descrizione naturalistica del paesaggio è stata una delle maggiori aspirazioni per gli artisti di ogni epoca. Ogni periodo storico ha dato la propria interpretazione del paesaggio contribuendo all’evoluzione della sua descrizione: dapprima con una ricerca sullo spazio, tramite la prospettiva brunelleschiana nel primo Rinascimento; poi sulla resa atmosferica nel Cinquecento; fino ad arrivare alla rappresentazione di ogni singola vibrazione della luce sugli oggetti nell’Impressionismo.

L’artista Luciano R. Fabbri, in questa opera, conferma la propria indole sempre tesa alla sperimentazione anche confrontandosi con un tema tradizionale come quello del paesaggio. E lo fa con un dipinto concettuale nel quale, pur rimanendo sostanzialmente fedele alla registrazione dei dati sensibili, il linguaggio adottato è decisamente astratto. Questo paradosso viene generato dalla scelta di una veduta che reca già nella sua concreta esistenza il principio cardine dell’astrazione: cioè quello di comunicare la percezione e la sensibilità dell’artista rispetto a ciò che si può conoscere tramite i sensi. Fabbri raggiunge questo obiettivo dando vita a quella che, innegabilmente, può essere definita una veduta paesaggistica, la quale però regredisce quasi a informale per le sue stesse caratteristiche atmosferiche. La densa foschia, che pervade lo spazio di una luce opaca, crea un’uniformità vibrante di vapori umidi, in cui l’unico riferimento viene dato dalla porzione di superficie marina visibile in primo piano. Anche ciò che dovrebbe essere forma viene totalmente trasfigurato, in questa operazione di astrazione naturale congegnata da Fabbri. Infatti le due vele ed il loro riflesso, viste in lontananza, sono rese con una vibrazione pittorica gestuale leggerissima. Ma la sperimentazione dell’artista non si ferma a questo poiché la composizione viene ideata come un dittico che propone un confronto tra due diversi momenti temporali e, conseguentemente, tra due diverse situazioni di luce. Sembra evidente il riferimento al mezzo tecnologico fotografico nella bellezza di un’opera che comunica diversi spunti concettuali tramite il medium pittorico.

Come possiamo constatare dall’analisi di questa opera l’artista Luciano R. Fabbri si distingue per un’indole sperimentale che lo porta a trovare soluzioni compositive molto originali. Nella sua opera un carattere ironico si unisce al bisogno ed alla volontà di rinnovamento delle modalità rappresentative dell’opera, in linea con le tendenze tipiche dell’arte contemporanea degli anni ’70 come la riflessione sulla percezione della realtà e la mediazione dei mezzi tecnologici.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


LE OPERE

Follow Us

© 2022 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 02272650447