Michele Circiello  – Senza titolo

Michele Circiello – Senza titolo

Circiello Michele

  • Tecnica: Polimaterica su legno multistrato
  • Dimensione: 89,5x138
  • Anno: 1993

  • Certificato: Firma Artista
  • Codice prodotto: fsan001

Visualizzazioni 425

DESCRIZIONE

I soggetti delle opere di Michele Circiello sono in buona parte concepiti secondo un’operazione citazionista. Nella fenomenologia dei movimenti artistici il citazionismo consiste nel riproporre un’immagine del passato, della tradizione storico-artistica, ricontestualizzandola secondo la sensibilità dell’artista. Il citazionismo è stato ed è trasversale a diverse correnti artistiche della contemporaneità, come il Surrealismo, la Metafisica o l’Anacronismo. Le opere di Michele Circiello sono ispirate dal legame che questo pittore ha con la sua terra, ricercandone le radici nelle testimonianze artistiche preistoriche: quelle sipontine del Museo Nazionale di Mandredonia o quelle delle chiese rupestri dalle icone solenni.

La presente opera fa parte del corposo ciclo che Michele Circiello ha elaborato ispirandosi alle testimonianze di epoca primitiva. Tale ispirazione viene però sviluppata secondo una ricontestualizzazione originale, coerente con un’estetica contemporanea. Infatti le pittore rupestri di Michele Circiello sono costruite secondo un procedimento New Dada che vede l’assemblaggio di diversi strati di legno e materiali in rilievo. Su questa superficie complessa l’artista procede con l’intervento pittorico che propone le sue figure arcaiche e primitive, ma in un contesto completamente nuovo che mostra il suo legame con la gestualità tipica dell’informale e dell’espressionismo astratto.

Michele Circiello è nato a Rocchetta S. Antonio nel 1944 ed è scomparso a Foggia nel 2019. Ha studiato all’Istituto d’Arte di Foggia e all’Accademia di Belle Arti di Milano, allievo del Maestro Cantatore. Ha allestito la sua prima mostra personale nel 1970 a Foggia e successivamente ha tenuto oltre 100 personali in importanti gallerie nelle principali città italiane ed estere. Ha esposto nei Musei Civici di Troia, Manfredonia, Monte S. Angelo, Foggia. Dal 1988 al 1998, d’intesa con la soprintendenza Archeologica della Puglia ha istallato, negli spazi della Necropoli Paleocristiana della “Salata” di Vieste, una serie di opere scultoree. Nel 2004 ha realizzato una stele per la pace in bronzo in onore ai “Caduti di Nassirya”. Ha anche portato a termine una porta in bronzo per la chiesa di San Francesco a Vieste.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


LE OPERE

Follow Us

© 2022 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 02272650447