Mario Ceroli – Uomo

Mario Ceroli – Uomo

Ceroli Mario

  • Tecnica: Opera Grafica
  • Dimensione: 60x70

  • Tiratura: 24/150
  • Codice prodotto: GMARI002

Visualizzazioni 565

DESCRIZIONE

L’opera di Mario Ceroli fa leva su diverse istanze tipiche dell’Arte Contemporanea tra gli anni ’60 e gli anni ’70. Il suo linguaggio artistico, infatti, riprende quelle che comunemente vengono chiamate “Poetiche dell’Oggetto”, tramite l’utilizzazione di manufatti in legno (che a volte possono essere anche semplici oggetti d’uso quotidiano). Inoltre l’uso di un materiale artigianale, dall’estetica così primaria e grezza come il legno, avvicina Ceroli anche alle istanze dell’Arte Povera. Infine, sicuramente, come punto di riferimento fondamentale nella ricerca di Ceroli, va menzionata anche la Pop Art nel suo riprendere certi tipi d’immagine massificata, seriale, e nella loro ridefinizione in un nuovo contesto tramite un processo artistico.

In questa grafica Mario Ceroli gioca con il suo stesso linguaggio artistico. Il tipo di produzione che lo rappresenta di più, ovvero la sagoma in legno tridimensionale, viene presa e trasferita sulla superficie bidimensionale. L’artista, dunque, crea un’immagine volutamente illusionistica e, in una sorta di trompe-l’oeil esagerato in cui compare anche l’ombra della sagoma, conduce un sottile gioco in bilico tra realtà e rappresentazione. Così anche la scultura in legno dello stesso Ceroli (che già di per sè riprende un’immagine iconica e popolare come quella della sagoma umana) trasformandosi in opera grafica diviene ancora più soggetta alla massificazione per mezzo di una riproduzione seriale e meccanica.

Mario Ceroli è nato a Castel Frentano nel 1938. E’ uno dei più importanti artisti e scenografi contemporanei. La sua formazione è avvenuta a Roma sotto la guida di Leoncillo, Pericle Fazzini ed Ettore Colla. Alla fine degli anni ’50 scopre il legno che diventerà il materiale prediletto della sua produzione artistica. Negli anni ’60, affascinato dall’estetica Pop, comincia a produrre le sagome seriali che sono il suo vero e proprio marchio di fabbrica. Nel 1966 viene premiato alla Biennale di Venezia. Nel 1967 e nel 1968 partecipa alle mostre dell’Arte Povera. Ha svolto anche un’intensa attività di scenografo collaborando soprattutto con il Teatro Stabile di Torino.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


LE OPERE

Follow Us

© 2020 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 01960870440