Mario D’Anna – Radice grande

Mario D’Anna – Radice grande

D'Anna Mario

  • Tecnica: Olio su tela
  • Dimensione: 90x80
  • Anno: 1966

  • Codice prodotto: MRAN001

Visualizzazioni 311

DESCRIZIONE

I fiori o le piante in generale come soggetto autonomo cominciano a comparire all’interno delle “nature morte”, genere che vede la luce agli inizi del XVII secolo. In seguito l’attenzione dei pittori per il mondo floreale e vegetale, soprattutto con gli impressionisti, si fa sempre maggiore, in quanto occasione straordinaria per catturare vibrazioni cromatiche e luminose. Così i fiori e le piante vengono rappresentati non solo nei vasi, ma anche immersi nel loro paesaggio naturale. Se all’inizio della sua storia era un pretesto per i pittori per cimentarsi in una riproduzione fotografica della realtà, con l’arte contemporanea il soggetto dei fiori e delle piante diventa anche un modo di interpretare la realtà.

Anche se il risultato finale delle opere di Mario D’Anna può essere definito a tutti gli effetti astratto ci troviamo di fronte ad un pittore che è strettamente legato alla realtà sensibile. Infatti il punto di partenza di D’Anna, nell’elaborazione dei suoi dipinti, è la Natura stessa. L’artista si concentra sullo studio della Natura, focalizzando, nell’esecuzione dell’opera, alcuni particolari, con l’intento di trasferire la loro vera essenza sulla tela. L’operazione effettuata da D’Anna lo assimila, in qualche modo, agli esponenti del movimento “Ultimo Naturalismo” che ingrandivano in maniera macroscopica elementi vegetali arrivando, in questo modo, all’astrazione. Questa suggestione è elaborata da Mario D’Anna insieme alla sua gestualità concitata, che guarda all’Espressionismo Astratto. Infatti la pennellata gestuale e la stessa materia pittorica diventano il principale media espressivo nel trasferire sull’opera la sensibilità dell’artista e la sua percezione della Natura.

Mario D’Anna, Rovigo 1933 – Roma 2009. Ha studiato a Milano e a Como ove ha operato fino al 1996. Nel 1997 si trasferisce a Roma. Nel 1964 entra a far parte del Gruppo di artisti che gravita attorno alla Galleria di “Corso Venezia” di Milano, interessato e coinvolto nella coltivazione della tendenza rivolta al neo figurativo e al recupero dell’immagine. Ha fatto parte del gruppo ”7 Brianza” e del “7 Italia” esponendo in collettive di gruppo e a titolo personale. Negli anni 67/70 inizia una vivace attività legata all’arte calcografica. Dal 1978 è docente di tecniche pittoriche e cromatologia presso l’Istituto Superiore di restauro “Leone Leoni” diretto da Aldo Galli. Ha partecipato a diverse rassegne di ex Libris, fa parte della cartella edita dalla BNEL per il Congresso internazionale a Frederikshavn – 24/28 Agosto 1988 in Danimarca. La sua personale di acquarelli dal titolo “Slana” è stata itinerante dalla fine del 1988 in una serie di mostre nei maggiori centri jugoslavi. Partecipa ancora ad alcuni concorsi ed ottiene nel 1991 un premio alla “Rassega nazionale dell’acquarello”- Fondazione Durini, nel 1992 un premio alla “Rassegna internazionale del disegno Segantini”, e nel 1993 un ulteriore premio alla “Rassegna internazionale di pittura e scultura Bice Bugatti”. Nel 2003 viene incaricato all’organizzazione del Concorso ex – libristico Giubileo 2000 presso il Comune di Pescara curando il volume presentato al Santo Padre Giovanni Paolo II. Sono state allestite oltre 100 mostre personali in Italia e all’estero. Presente, con spazi personalizzati e su invito, in 30 rassegne internazionali. Sono stati pubblicati oltre 350 fra articoli, testi critici su stampa italiana ed estera, oltre a recensioni e presentazioni sui principali quotidiani, periodici e riviste specializzate.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


Follow Us

© 2024 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 02272650447