Mario Vespasiani – Feticcio 52

Mario Vespasiani – Feticcio 52

Vespasiani Mario

Nella storia dell’arte spesso si può fare una netta distinzione tra correnti stilistiche figurative o astratte. Quando, però, l’obiettivo di un’artista è quello di rappresentare un oggetto che abbia riscontro con la realtà fenomenica ma, allo stesso tempo, sia carico di significati reconditi e simbolici, questo confine può diventare labile. Il Simbolismo o l’Espressionismo sono […]

  • Tecnica: Olio su carta
  • Dimensione: 30x42
  • Anno: 2009

  • Certificato: Galleria
  • Stato di conservazione: Ottimo
  • Codice prodotto: PFER001

Visualizzazioni 926

DESCRIZIONE

Nella storia dell’arte spesso si può fare una netta distinzione tra correnti stilistiche figurative o astratte. Quando, però, l’obiettivo di un’artista è quello di rappresentare un oggetto che abbia riscontro con la realtà fenomenica ma, allo stesso tempo, sia carico di significati reconditi e simbolici, questo confine può diventare labile. Il Simbolismo o l’Espressionismo sono correnti stilistiche emblematiche nell’aver interpretato la realtà in senso concettuale con una resa iconica delle immagini e un’interpretazione simbolica nell’uso del colore.

Come possiamo vedere anche in questo dipinto nella sua concezione del fare artistico Mario Vespasiani parte necessariamente dalla realtà, la quale poi viene trasfigurata tramite le potenzialità espressive e simboliche del colore. In questa opera è come se Vespasiani recuperasse le poetiche dell’oggetto tipicamente New Dada trasformando un prodotto comune, di uso quotidiano, in opera d’arte. Però Vespasiani compie questa operazione totalmente in modo pittorico e riproduce l’oggetto invece di collocarlo fisicamente. Ovviamente la stesura fa riferimento ad una gestualità tipica dell’Espressionismo Astratto Americano con in più delle indicazioni segniche, di alto valore simbolico, che sono tipiche di questo pittore.

Mario Vespasiani è un artista marchigiano nato nel 1978 residente a Ripatransone. Vespasiani non si dedica solamente alla pittura,ma ha sperimentato diverse forme artistiche, la fotografia e la performance, la scrittura e l’installazione. Ad oggi ha esposto su tutto il territorio nazionale, in gallerie, musei e luoghi di culto. Ha esposto nel 2011 al Padiglione Italia della Biennale di Venezia curato da Vittorio Sgarbi nella sede di Torino e qui con Imago Mundi alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo. Di recente è stato in mostra a Venezia e Chiavenna nella collettiva Our place in space, promossa da NASA ed Esa che proseguirà nel 2018 in un tour mondiale.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


LE OPERE

Follow Us

© 2021 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 01960870440