Umberto Mastroianni – Senza titolo

Umberto Mastroianni – Senza titolo

Mastroianni Umberto

  • Tecnica: Serigrafia
  • Dimensione: 50x70
  • Anno: 1980

  • Codice prodotto: asar003

Visualizzazioni 176

DESCRIZIONE

L’opera è una composizione di genere astratto. Astrarre deriva dal termine latino “Abstrahere” che vuol dire estrarre, tirare fuori. Il procedimento di astrazione, infatti, consiste nell’eliminare gli aspetti particolari e individuali di un oggetto per ricavarne un concetto universale. Da Kandinskij a Mondrian, da Pollock a Mirò molti pittori hanno spinto al massimo il processo di astrazione nelle loro opere creando, paradossalmente, forme pure e colori puri che non esistono in natura o traducendo in immagini le loro emozioni e la loro istintualità. Umberto Mastroianni è uno dei più importanti rappresentanti dell’astrattismo italiano. In questo tipo di estetica la sua ricerca ha avuto un notevole sviluppo che lo ha portato ad esiti diversi, sia di tipo biomorfo organico che di tipo meccanomorfo e geometrico.

Come possiamo vedere in questa opera il processo di astrazione messo in atto da Umberto Mastroianni è spesso costituito da questa sorta di assemblaggi che egli crea nei propri dipinti. In questo caso l’assemblaggio viene a costituire un grande organismo biomorfico (in altri casi invece Mastroianni sembra preferire la meccanica) che di conseguenza trasferisce l’opera nella dimensione surreale di una forma di vita ermetica. L’opera in oggetto, nello specifico, è molto interessante, poiché Mastroianni ne ribadisce ulteriormente il suo carattere biologico con una serie di collegamenti fittizi, inesplicabili. Dal punto di vista formale il ritmo della composizione è frenetico ed estremamente dinamico, non lasciando punti di riferimento allo spettatore. Il pittore può così dare libero sfogo alla propria creatività e alla propria gestualità, anche tramite il solo ritmo della composizione.

Umberto Mastroianni è nato a Fontana Liri nel 1910 ed è scomparso a Marino nel 1998. E’ stato scultore e partigiano. Si trasferisce a Roma nel 1924 e inizia la sua formazione all’Accademia di San Marcello. Nel 1930 riceve già il primo riconoscimento con il Premio Internazionale del Turismo e comincia ad esibire le sue opere in mostre di livello sia nazionale che internazionale. Dal 1933 espone regolarmente alle mostre sindacali nazionali ed è invitato a tutte le Quadriennali di Roma, alle Promotrici di Torino e alle Biennali di Venezia.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


LE OPERE

Follow Us

© 2022 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 02272650447