Matteo Capriotti – Irruenza

Matteo Capriotti – Irruenza

Capriotti Matteo

  • Dimensione: 65x90

  • Certificato: Autenticità
  • Codice prodotto: MCAP00

Visualizzazioni 703

DESCRIZIONE

Non vorrei essere arrogante e irriverente nel raccontarvi parte di me.Un’istituzionale parte di me.Sono un essere che si trova a vivere questo eterno attimo, e lo esprime nelle piccole forme che la grandezza di una pennellata permette, su una natura morta che è una tela. Inserire ad ogni tocco la mia esplosione di volontà: anche se iscritta nel frame di un comportamento ormai catodico.

Posso raccontarvi di essere uno studente, di essere stato uno studente di periferia, stessa periferia dove persone come Celommi, Melarangelo, Della Monica, Bonolis, Chiarini hanno disegnato la mia identità pur senza viverla con questi occhi.

Cosa penso quando creo, penso alla mente umana, al suo logos, al suo nous, penso alla potenza inespressa che ascolto nel suo silenzio dentro di me.
Amo il contemporaneo, il movimento che il futurismo diede alla mia
novecentesca Italia, come se fosse una città che sale ma immobile come una scultura di un Boccioni. Considero come lungimiranza i tasselli immessi da Sergio Vacchi come qualcosa che si trova in superficie, ma non è dato sapere. Considero inopportuno ma creativo Picasso, con la sua voglia di vendersi, anche la sua stabilità. Mi consola Kandinskij perché esprime le forme del rispetto.

Ora chiudo qui questo mio essere dichiarandovi la mia giovane età, 20 anni. Sì, sono del ’96, e non ho mai frequentato istituti d’arte, perché davo al sistema il mio equilibrio; ma feci bene poiché così facendo dimostro con dei peli di cinghiale che io esisto.

Matteo Capriotti




Critiche d'arte

INTIMI VALORI PERCETTIVI SENZA COSTRIZIONI


Nella pittura di MATTEO CAPRIOTTI ogni elemento ci parla di Lui in una prospettiva che va verso l'infinito.
Davanti alle sue opere l'osservatore è indotto a meditare e riflettere nel momento in cui egli stesso diventa presenza di uno spazio indefinito, circondato da riferimenti spaziali e temporali con una valenza logica e reale, dove i colori assemblati in un contesto metafisico generato dall'abilità creativa dell'artista,  possiedono una profonda ed eloquente
valenza simbolica.
La mente pensa, organizza e rielabora le idee, le immagini, le sensazioni e l'estro crea sulle tele quel velo di umanizzazione degno di qualsiasi cosa che ha ormai acquisito un'anima,  quella stessa anima dell'artista che si
traspone su di esse.
Ogni opera ci parla di MATTEO CAPRIOTTI,  della sua giovane età  e  ci racconta il suo percorso, le ore, i minuti, i secondi che lo hanno fatto maturare ed avvicinare sempre più al cospetto umano.
Osservando un'opera di MATTEO CAPRIOTTI siamo condotti sino alla scoperta dell'Oltre, con una rivelazione che durante il nostro percorso di vita sembra irrompere nel nostro animo senza nemmeno chiederci il permesso.
L'arte del Maestro  non propone necessariamente la ricerca di risposte o la scoperta di una verità assoluta, altresì crea una molteplicità di domande ed interrogativi per dare senso al mistero che ci avvolge.
Nelle opere  di MATTEO CAPRIOTTI come ad esempio STRADE PERDUTE, CONTRORA o ISOLA DEI VIVI,  si ritrovano una variegata moltitudine  di segni, alcuni sono elementi filiformi, altri avvolgenti dripping  di colore; un'astrazione formale che trova riferimento nella mente, nell'inconscio e nell'animo del Maestro.
Un'arte infinita quella del Maestro Matteo Capriotti come infinite sono le sue chiavi di lettura, le sue interpretazioni e quindi.....qual'è il senso dell'essere, di ciò che ci circonda, di ciò che ogni giorno assaporiamo e viviamo?
Nell'osservazione profonda di alcune delle opere del Maestro come LA PASSEGGIATA RIBELLE,  SEMELE, FRAME,  i nostri sensi vengono immersi in un assemblaggio di pensieri, sogni e desideri che diventano testimonianza di un'esistenza, di un'epoca, o di un vissuto più o meno lontano.
In sostanza la tela dell'artista e allo stesso tempo ritrovo delle più profonde vibrazioni della sua anima e svanisce totalmente il suo essere autodidatta.

Potrebbe sembrare Metafisico il linguaggio pittorico di CAPRIOTTI guardando alcune suoi lavori da considerare forme d'arte e di conoscenza slegate dalla realtà,  a volte surreale nella valorizzazione dello scenario contestualizzato, e romantico per le evanescenze tonali:
La verità è che MATTEO e un maestro della "sua" realtà; vale a dire che esistono pittori che raccontano ciò che vedono, altri che narrano quanto presente nel loro pensiero, CAPRIOTTI racconta l'uno e l'altro, conducendoci verso una realtà personale che tende a sottolineare aspetti esistenziali evocativi di liriche atmosfere. La tecnica segue il solco dei grandi maestri, privilegiando la valenza tonale e segnica.
Nei suoi disegni taluni accostamenti donano alla tela un effetto cromatico che denota una personalità stilistica verso la pura espressività figurativa.
La conclusione è che  Le opere del maestro sono visioni surreali in mondi metafisici,  dove appaiono figure sia realistiche, quanto a volte dettate dalla fantasia e a volte surreali - ma che nell'insieme denotano  angoli differenti che raccontano la vita, di realtà subite o di desideri nascosti.
In una cosa non vi sono interrogativi: possiamo affermare che Capriotti  è un giovane  professionista assai impegnato, la sua maestria è indiscutibile così come sa dimostrarci con un tela ricca di effetti spettacolari, dove le sue pennellate ricche e decise sanno dare, tocchi accesi, animando il quadro e gestendo un insieme che risulta come operazione d'arte creativa e COMUNICATIVA. Il Capriotti è un artista che sta, nel valore sogno, bellezza e trasfigurazione, regalandoci tante estrose e meravigliose visioni.

RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


LE OPERE

Follow Us

© 2020 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 01960870440