Michele Baretta – Due opere

Michele Baretta – Due opere

Baretta Michele

  • Tecnica: Olio su masonite
  • Dimensione: 50x40

  • Certificato: No
  • Codice prodotto: mrav003

Visualizzazioni 274

DESCRIZIONE

La coppia di opere ci dà un compendio sulla produzione artistica del pittore Michele Baretta la quale è incentrata sì su generi tradizionali ma che presenta, dal punto di vista formale, una marcata vocazione postimpressionista/espressionista. Da una parte, dunque, il paesaggio, uno dei territori più esplorati dagli artisti per comunicare la propria percezione della realtà. Dall’altra la figura femminile, al centro della ricerca di Michele Baretta, qui declinata in una gustosa scena di genere che ci rivela l’interesse di questo pittore anche per soggetti di tipo popolare.

In questa coppia di dipinti il pittore Michele Baretta mostra tutta la sua preponderanza verso uno stile di marcata influenza postimpressionista. Soprattutto nella veduta paesaggistica la stesura veloce, fatta di guizzi rapidissimi, delinea le forme del borgo seguendo un ritmo spezzato. Lo spazio non è prospettico, ma il soggetto si pone su diversi piani. Il colore è molto denso e viene anche solcato dall’artista, con un’attitudine gestuale, ravvisabile in particolare nei concitati segni neri. Nel dipinto con le due donne notiamo una diversa attitudine, che porta comunque Baretta a sintetizzare il soggetto, ma in una maniera diversa. In questo caso le due figure vengono costruite con strati di colore materici, stesi a spatola, che danno vita ad uno spazio complesso. In questo modo, con una forte ispirazione cezanniana, l’artista può indagare i valori formali delle due figure con un procedimento razionale ma che preserva, allo stesso tempo, una stesura pittorica viva e vibrante. Entrambe le opere presentano la preponderanza, tipica in Baretta, di cromie chiare ma terrose.

Michele Baretta è pittore originario di Vigone, nato nel 1916 e scomparso nel 1987. La sua formazione avviene a Torino presso la il Collegio Artigianelli. In seguito continua a sperimentare da autodidatta. Le sue opere sono conservate in diverse collezioni pubbliche (Collezione Civica d’Arte di Palazzo Vittone a Pinerolo, Museo d’arte di Vibo Valentia, Collezione d’arte presso il Museo di Cuneo, Museo Storico della Cavalleria di Pinerolo, Museo d’Arte Moderna di Sessa Aurunca, Regione Piemonte, Istituto Bancario San Paolo di Torino, F.C. Juventus, Casino de la Vallée di Saint Vincent, Banca Torinese Balbis & Guglielmone (ora Banca Intesa), Cassa di Risparmio di Torino.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


LE OPERE

Follow Us

© 2022 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 02272650447