Enrico Benaglia – Paesaggio

Enrico Benaglia – Paesaggio

Benaglia Enrico

Il paesaggio è stato da sempre protagonista nella ricerca artistica, sia come ambientazione, come sfondo, ma anche come soggetto esso stesso. La descrizione naturalistica del paesaggio è stata una delle maggiori aspirazioni per gli artisti di ogni epoca. Ogni periodo storico ha dato la propria interpretazione del paesaggio contribuendo all’evoluzione della sua descrizione: dapprima con […]

  • Tecnica: Pastello su tela
  • Dimensione: 50x70

  • Codice prodotto: RMAR005

Visualizzazioni 215

DESCRIZIONE

Il paesaggio è stato da sempre protagonista nella ricerca artistica, sia come ambientazione, come sfondo, ma anche come soggetto esso stesso. La descrizione naturalistica del paesaggio è stata una delle maggiori aspirazioni per gli artisti di ogni epoca. Ogni periodo storico ha dato la propria interpretazione del paesaggio contribuendo all’evoluzione della sua descrizione: dapprima con una ricerca sullo spazio, tramite la prospettiva brunelleschiana nel primo Rinascimento; poi sulla resa atmosferica nel Cinquecento; fino ad arrivare alla rappresentazione di ogni singola vibrazione della luce sugli oggetti nell’Impressionismo. Anche nei paesaggi più conformi alla realtà sensibile, l’artista Enrico Benaglia mostra sempre di rifarsi ad una sua vena surrealista.

Il surrealismo di Enrico Benaglia ha dei connotati estremamente originali e riconoscibili. L’artista ha creato un mondo fantastico che sicuramente ha a che fare con l’onirico ma che presenta dei tratti più marcatamente magici e fiabeschi. Le scene orchestrate da Enrico Benaglia puntano più sulla simbologia ermetica e misteriosa che sullo straniamento e, per questo, presentano sempre una notevole complessità, sia nella scelta dei soggetti che nella costruzione delle ambientazioni. Nel caso di questo paesaggio abbiamo, tuttavia, una composizione più minimale con elementi più aderenti alla realtà sensibile. Permane comunque il senso di mistero nella modalità della rappresentazione, appunto così essenziale, tanto da assimilare questa opera alla corrente del cosiddetto Realismo Magico. Dal punto di vista formale, come nella più squisita tradizione surrealista, anche Benaglia punta decisamente su un linguaggio figurativo, anche se il suo non è a tutti gli effetti un iperralismo, ma piuttosto un linguaggio che ricorda l’arte dell’illustrazione che bene si conforma alle atmosfere magiche delle sue opere.

Enrico Benaglia nasce nel 1938 a Roma, dove vive e lavora. A partire dagli anni Ottanta, Benaglia si colloca definitivamente nel panorama artistico nazionale grazie all’individuazione di un’iconografia originale e simbolica, legata al mondo favolistico e mitologico. Il forte successo di pubblico e di critica è confermato dal susseguirsi, a partire dagli anni Novanta, di grandi mostre istituzionali in Italia e all’estero. Alcuni dei suoi cicli pittorici più famosi sono stati esposti presso sedi atipiche e suggestive quali gli aeroporti Charles de Gaulle di Parigi e il John F. Kennedy di New York, oltre che in sedi prestigiose come gli Istituti di Cultura Italiana di Strasburgo, di Madrid e di Vienna e ancora l’Ambasciata d’Italia di Tallinn.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


LE OPERE

Follow Us

© 2021 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 02272650447