Nino Caffé – Allegoria n. 2

Nino Caffé – Allegoria n. 2

Caffé Nino

L’opera può essere definita una scena di genere, ovvero la rappresentazione di un episodio di vita quotidiana che, apparentemente, non ha alcun elemento significativo. Questo tipo di soggetti domestici furono a lungo considerati come minori e cominciarono a diffondersi, nell’arte occidentale, solo a partire dal XVII secolo. Solo con lo sviluppo delle correnti realistiche ottocentesche […]

  • Dimensione: 30x40

  • Codice prodotto: MMIN001

Visualizzazioni 151

DESCRIZIONE

L’opera può essere definita una scena di genere, ovvero la rappresentazione di un episodio di vita quotidiana che, apparentemente, non ha alcun elemento significativo. Questo tipo di soggetti domestici furono a lungo considerati come minori e cominciarono a diffondersi, nell’arte occidentale, solo a partire dal XVII secolo. Solo con lo sviluppo delle correnti realistiche ottocentesche i soggetti della vita di tutti i giorni furono considerati della stessa importanza di quelli storici o religiosi. Questo tipo di scena è tipica del pittore Nino Caffè, che ha dedicato la maggior parte della sua produzione pittorica e incisoria al tema dei “Pretini”.

L’artista Nino Caffè si distingue per uno stile figurativo molto oggettivante in cui delinea l’intera scena con un tratto grafico estremamente raffinato ed elegante. Le opere di Nino Caffè dedicate al tema dei pretini hanno, infatti, il carattere e la verve di un’illustrazione perché oltre al grafismo la composizione possiede di certo un carattere brioso e ironico. In questa incisione l’artista esalta ancora di più, rispetto alla produzione da cavalletto, il potenziale espressivo della linea. Lo fa con un tratteggio dinamico e frenetico, il quale, oltre a delineare con precisione i soggetti li carica di una vitalità gioviale. Così, anche nella superficie monocroma, la scena di genere di Nino Caffè mantiene intatto la propria capacità di narrazione curiosa e divertita.

Giovannino Caffè, conosciuto come Nino è nato ad Alfedena nel 1908 e scomparso a Pesaro nel 1975. E’ stato un pittore e un incisore italiano. La sua carriera comincia negli anni ’30 e già nel 1938 viene invitato alla Biennale di Venezia. E’ conosciuto come il “pittore dei pretini”, per il soggetto caratteristico che connota gran parte della sua produzione. Questo motivo iconografico probabilmente nacque tra il 1943 e il 1944, quando Caffè era insegnante all’Accademia di Urbino e risiedeva davanti al duomo della città.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


LE OPERE

Follow Us

© 2021 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 01960870440