Oreste Garaccioni – Nudo di donna

Oreste Garaccioni – Nudo di donna

Garaccioni O.

Da sempre la figura umana è stata al centro della ricerca artistica. Fin dall’età classica la resa naturalistica dell’anatomia umana è stata uno degli obiettivi principali di pittori e scultori di tutti tempi. La rappresentazione del nudo è la massima espressione di questa aspirazione, trasversale a tutte le epoche e a tutte le correnti stilistiche. […]

  • Tecnica: olio su legno
  • Dimensione: 49x33

  • Certificato: non presente
  • Codice prodotto: PGAL001

Visualizzazioni 995

DESCRIZIONE

Da sempre la figura umana è stata al centro della ricerca artistica. Fin dall’età classica la resa naturalistica dell’anatomia umana è stata uno degli obiettivi principali di pittori e scultori di tutti tempi. La rappresentazione del nudo è la massima espressione di questa aspirazione, trasversale a tutte le epoche e a tutte le correnti stilistiche. Infatti oltre alle interpretazioni naturalistiche, proprie del Rinascimento e dei vari classicismi, che mirano ad una rappresentazione veritiera e dettagliata del corpo umano, il nudo è stato protagonista anche all’interno delle nuove concezioni estetiche portate dalle avanguardie storiche, come nel cubismo, nell’espressionismo e nel surrealismo. Il soggetto del nudo, in particolare del nudo di donna disteso, è molto presente nella produzione di Oreste Garaccioni.

Il pittore Oreste Garaccioni in questo dipinto mostra tutta l’abilita tecnica di cui capace, nel raggiungimento di una resa naturalistica totale e tecnicamente perfetta. L’anatomia della modella è rappresentata in ogni minimo dettaglio, ma sono soprattutto i particolari a determinare la grande verità e naturalezza di questo corpo: la morbidezza dell’incarnato, che sembra quasi suggerire l’effetto tattile dell’epidermide; l’interazione con lo spazio circostante dei capelli, i quali si fondono armoniosamente con l’atmosfera; il dosaggio della luce che illumina da destra il corpo della modella in maniera suggestiva e scenografica, dando vita a vividi riflessi sul lenzuolo di un intenso rosso. Molto suggestiva è anche la composizione, che ritorna in altre opere di Garaccioni, con la donna inquadrata da dietro in un bellissimo scorcio ed il capo reclinato che punta gli occhi sullo spettatore. Tutto ciò contribuisce a creare l’immagine di una figura conturbante e misteriosa, retaggio della pittura simbolista di fine XIX secolo.

Oreste Garaccioni è nato nella frazione di Sassi presso Torino nel 1881. Percorse gli studi classici e legali e contemporaneamente apprese la pittura da Giuseppe Cavalla. Nel 1910 espose per la prima volta alla Promotrice genovese, il quadro “Riflessione”. Ha eseguito lavori di tutti i generi: nudi, paesaggi, nature morte, ritratti. Notevoli fra questi ultimi quello della “contessa Taylor Damna”; della “contessa Cisa Varnante nata Ravanasco”; della “signora Matrena Orlof”: della contessa “Maria Petrowna”; del “principe Pajarschi”. I suoi lavori sono sparsi un po’ dappertutto, in Italia, Francia, America.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


Follow Us

© 2024 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 02272650447