Pietro Tinu – Senza titolo

Pietro Tinu – Senza titolo

Tinu Pietro

L’opera è una composizione di genere astratto. Astrarre deriva dal termine latino “Abstrahere” che vuol dire estrarre, tirare fuori. Il procedimento di astrazione, infatti, consiste nell’eliminare gli aspetti particolari e individuali di un oggetto per ricavarne un concetto universale. Da Kandinskij a Mondrian, da Pollock a Mirò molti pittori hanno spinto al massimo il processo […]

  • Tecnica: Olio su tavola
  • Dimensione: 70X70

  • Codice prodotto: PBAL003

Visualizzazioni 295

DESCRIZIONE

L’opera è una composizione di genere astratto. Astrarre deriva dal termine latino “Abstrahere” che vuol dire estrarre, tirare fuori. Il procedimento di astrazione, infatti, consiste nell’eliminare gli aspetti particolari e individuali di un oggetto per ricavarne un concetto universale. Da Kandinskij a Mondrian, da Pollock a Mirò molti pittori hanno spinto al massimo il processo di astrazione nelle loro opere creando, paradossalmente, forme pure e colori puri che non esistono in natura o traducendo in immagini le loro emozioni e la loro istintualità.

Fondamentalmente questa composizione di Pietro Tinu si richiama ad una ricerca di colori puri. Come possiamo osservare, infatti, la struttura è costituita da grosse pennellate cromatiche. Tuttavia l’artista va oltre un semplice esercizio di astrazione poiché la sua ricerca vira anche verso l’informale. Proprio tra i segmenti formati dalle zone di colore imperversa un’entità quasi biomorfica caratterizzata da una superficie densa e materica. Le pennellate si incastrano tra di loro, creando uno spazio surreale vicino all’astrattismo di Mirò.

Pietro Tinu (Ozieri, 1923 – Cagliari, 1999). Conseguito il diploma all’Istituto d’Arte di Sassari nel 1945 si iscrive all’Accademia di belle arti di Firenze sotto gli insegnamenti di Felice Carena, Primo Conti, Giovanni Colacicchi e Pietro Annigoni, solo per citare i più noti. Anni dopo, negli anni ’60, diventerà docente di Decorazione presso la stessa Accademia (dove insegnò per circa 30 anni), essendosi ormai trasferito stabilmente in Toscana. Ha esposto alla VII Quadriennale Nazionale d’Arte di Roma del 1955 presso il Palazzo delle Esposizioni. Nel corso del 1970, tenuto mostre personali aa Firenze, Bari, Camaiore, Cesena, Salerno e Terni. Tra il dicembre del 2000 ed il gennaio 2001 il Comune di Santa Croce sull’Arno ha tenuto una mostra antologica dal titolo “Pietro Tinu – Pittura e Grafica” (sottotitolo “Una vita nel rigore”, 60 dipinti esposti) presso il Centro Espositivo di Villa Pacchiani.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


Follow Us

© 2024 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 02272650447