Raffaele Faccioli – Senza titolo

Raffaele Faccioli – Senza titolo

Faccioli Raffaele

  • Tecnica: Olio su tela
  • Dimensione: 60x45

  • Codice prodotto: ESAL002

Visualizzazioni 155

DESCRIZIONE

Il paesaggio è stato da sempre protagonista nella ricerca artistica, sia come ambientazione, come sfondo, ma anche come soggetto esso stesso. La descrizione naturalistica del paesaggio è stata una delle maggiori aspirazioni per gli artisti di ogni epoca. Ogni periodo storico ha dato la propria interpretazione del paesaggio contribuendo all’evoluzione della sua descrizione: dapprima con una ricerca sullo spazio, tramite la prospettiva brunelleschiana nel primo Rinascimento; poi sulla resa atmosferica nel Cinquecento; fino ad arrivare alla rappresentazione di ogni singola vibrazione della luce sugli oggetti nell’Impressionismo.

Lo stile del pittore bolognese Raffaele Faccioli si inserisce perfettamente in un contesto di tardo secolo XIX in cui molti artisti, soprattutto in Italia, mostravano ancora un forte legame con la tradizione classicista ma, allo stesso tempo, risultavano aperti alle novità impressioniste e realiste provenienti dalla Francia. Come possiamo vedere anche da questo paesaggio, infatti, l’impostazione generale dell’opera è squisitamente classica. L’artista concepisce una composizione di perfetto equilibrio in cui ogni elemento è al suo posto. Una precisa regia in cui il ponticello appare in posizione centrale come elemento principale circondato da un’ampia porzione di paesaggio. Il carattere dell’opera è quello di una veduta chiara e serena in cui Faccioli si dimostra perfetto esecutore di una straordinaria resa naturalistica. In questo senso risultano decisivi gli apporti della modernità ai quali si accennava poco prima. Infatti la precisione descrittiva di Faccioli viene supportata ed esaltata da un’esecuzione veloce che pone la propria forza sulle qualità espressive del colore. La veduta è dotata di profondità di campo ma lo spazio viene misurato interamente tramite dei sottilissimi passaggi di tono, in modo che tutta la superficie dell’opera sia caratterizzata da coerenza atmosferica. Tutto risulta, dunque, vivo e vibrante per mezzo di una tecnica pittorica che conosce la complessità del reale. Straordinario anche l’uso della luce che si espande tersa per tutto il paesaggio concentrando bagliori dorati sui muretti del ponte.

Raffaele Faccioli è stato un pittore bolognese nato nel 1845 e scomparso nel 1916. Si è formato nella sua città in un ambito pittorico realista grazie agli insegnamenti di Luigi Busi, in seguito continuò i suoi studi a Firenze e a Roma. Faccioli ebbe ben presto successo sia di critica che di pubblico, tanto che nel 1867 il suo dipinto “Il giorno dei morti” venne acquistato da Vittorio Emanuele II. Ricevette numerosi premi in manifestazioni nazionali come nell’Esposizione di Parma del 1870, quella di Bologna nel 1875 e l’Esposizione Universale di Vienna nel 1873. Sue opere sono conservate alla Pinacoteca Nazionale ed alla Galleria d’Arte Moderna di Roma. Dal 1879 al 1905 fu presidente dell’Accademia di Belle Arti di Bologna.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


LE OPERE

Follow Us

© 2020 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 01960870440