Remo Brindisi – La propagatrice di pace

Remo Brindisi – La propagatrice di pace

Brindisi Remo

  • Tecnica: Scultura a cera persa
  • Dimensione: 60x25
  • Anno: 1986

  • Tiratura: 37/99
  • Codice prodotto: ATRE00

Visualizzazioni 192

DESCRIZIONE

Da sempre la figura umana è stata al centro della ricerca artistica. Fin dall’eta classica la resa naturalistica dell’anatomia umana è stata uno degli obiettivi principali di pittori e scultori di tutti tempi. La rappresentazione della figura femminile è un’espressione di questa aspirazione, trasversale a tutte le epoche e a tutte le correnti stilistiche. Infatti, oltre alle interpretazioni naturalistiche, proprie del Rinascimento e dei vari classicismi, che mirano ad una rappresentazione veritiera e dettagliata del corpo umano, la figura femminile è stata protagonista anche all’interno delle nuove concezioni estetiche portate dalle avanguardie storiche, come nel cubismo, nell’espressionismo e nel surrealismo. In questa scultura di Remo Brindisi, la figura femminile regge una colomba con un preciso riferimento simbolico al tema della pace. La simbologia deriva dall’episodio biblico della colomba che, recando a Noè un ramoscello di ulivo, gli indicò la fine del diluvio universale.

Questa scultura risulta molto interessante per apprezzare lo studio dell’artista Remo Brindisi nei confronti della figura umana. La base della rappresentazione è la realta di una raffigurazione concreta e tangibile, immediatamente rapportabile con il soggetto. Ma l’artista, allo stesso tempo, sente il bisogno di andare oltre la mera realta fenomenica e integrarla con la propria soggettivita. Per questo la figura subisce delle deformazioni antinaturalistiche che però hanno un ruolo fondamentale in chiave espressiva. In questo caso il dinamismo viene raggiunto tramite una forma allungata che supera qualsiasi legge naturale e va interpretata totalmente in una chiave estetica, mentre il movimento compiuto ha un che di parossistico. La forma viene abbozzata in modo sommario e sintetico, in una superficie molto levigata che, dando un carattere iconico all’opera, ne esalta la tensione del movimento.

Remo Brindisi è nato a Roma nel 1918 ed è scomparso a Lido di Spina nel 1996. La sua prima mostra personale è stata allestita a Firenze nel 1940. Da quel momento ha sempre riscosso grande notorieta. Famosi i suoi cicli pittorici le “Venezie”, gli “Oppositori”, i “Pastorelli, le “Maternita” . Ha dipinto anche un ciclo sulla storia del Fascismo. Le sue opere sono state esposte in numerose mostre in Italia e all’estero (Parigi, Nizza, Milano, Venezia, Roma al Cairo, a San Paolo del Brasile). Tra gli anni ’40 e ’50 ha partecipato a diverse edizioni della Quadriennale di Roma e della Biennale di Venezia.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


LE OPERE

Follow Us

© 2021 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 01960870440