Renato Natali – Sera al porto

Renato Natali – Sera al porto

Natali Renato

  • Tecnica: Olio su tavola
  • Dimensione: 35x25

  • Codice prodotto: MGOT001

Visualizzazioni 175

DESCRIZIONE

Il paesaggio è stato da sempre protagonista nella ricerca artistica, sia come ambientazione, come sfondo, ma anche come soggetto esso stesso. La descrizione naturalistica del paesaggio è stata una costante aspirazione per i pittori. Ogni periodo storico ha dato la propria interpretazione del paesaggio contribuendo all’evoluzione della sua descrizione: dapprima con una ricerca sullo spazio, tramite la prospettiva brunelleschiana nel primo Rinascimento; poi sulla resa atmosferica, nel Cinquecento; fino ad arrivare alla rappresentazione di ogni singola vibrazione della luce sugli oggetti nell’Impressionismo. In particolare quello della “marina” è un tema molto ricorrente tra gli artisti. Innanzitutto per il lirismo implicito nelle vedute che si affacciano sul mare o su romantiche immagini di porticcioli. In secondo luogo perché la rappresentazione di superfici acquatiche permette ai pittori di dare libero sfogo all’estro cromatico, grazie a raffinati giochi di riflessi e riverberi.

Lo stile di Renato Natali, artista tra i membri fondatori del Gruppo Labronico, parte nel solco della tradizione post-macchiaiola. Tuttavia il soggiorno parigino significò per lui una svolta significativa nell’elaborazione del suo stile. Le pennellate si fanno più sintetiche a delineare soggetti caratterizzati da una concisa essenzialità. I tratti individuali ed i particolari vengono ridotti a favore della forza espressiva della scena. Anche l’ambientazione spaziale è sintetica, priva di profondità. Nel caso particolare di questo dipinto Renato Natali, attraverso la sua maestria nell’uso del colore e nella modulazione delle tonalità per dare vita ad una coerente situazione atmosferica, propone la suggestiva immagine dell’imbrunire, dove lo squarcio arancione solca un cielo carico di nubi.

Renato Natali, Livorno 1883 – 1979, fu tra i fondatori del Gruppo Labronico insieme a Gino Romiti, Gastone Razzaguta e Giovanni Zannacchini. Fondamentali per la sua formazione furono le esperienze a Venezia, ma soprattutto a Parigi, dove frequentò anche Modigliani e conobbe le avanguardie europee. Al suo ritorno elaborò uno stile basato sulla tradizione post-macchiaiola ma dotato di un sintetismo espressionistico e dall’uso di una gamma di colori vivace.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


LE OPERE

Follow Us

© 2021 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 01960870440