Riccardo Salvatore – Extrasensoriali, I.A. (Intelligenza Artificiale)

Riccardo Salvatore – Extrasensoriali, I.A. (Intelligenza Artificiale)

Salvatore Riccardo

  • Tecnica: Acrilico su tela
  • Dimensione: 60x60
  • Anno: 2016

  • Certificato: Autenticità
  • Codice prodotto: RSAL001

Visualizzazioni 763

DESCRIZIONE

Riccardo Salvatore è nato il 20 Agosto 1985 a Lanciano (Ch). Pittore autodidatta ha sempre avuto la passione per il disegno e le arti visive. Nel 2007 ha donato una sua opera (raffigurazione di P.zza Plebiscito realizzata con la tecnica a carboncino su masonite) al Comune di Lanciano che è attualmente presente nella Sala Giunta. Nel settembre 2009 in occasione del 176° Settembre lancianese ha partecipato con una sua personale dal titolo “L’infinito nel pensiero” presso il Palazzo degli Studi di Lanciano, riscuotendo consensi di pubblico e critica. Nel 2010 ha donato una sua opera (raffigurazione della p.zza di Rocca San Giovanni, realizzata in tecnica mista su tavola) al Comune di Rocca San Giovanni.

Riccardo Salvatore, diplomato come Grafico Pubblicitario ama l’arte a 360°, infatti si dedica con passione anche alla poesia, al teatro, che lo ha visto calcare il palco in vari spettacoli di teatro conteporaneo, come monologhista (con il testo “Mio padre è morto partigiano” presente su www.youtube.com) e come attore per cortometraggi e comparsa nella sit-com “Piloti” in onda su Rai2. Grande appassionato di musica ha studiato percussioni presso la Scuola Civica di Musica di Lanciano.

Partecipazioni e Mostre

Lo stile pittorico di Riccardo Salvatore si pone essenzialmente nell’ambito della Metafisica, con i suoi luoghi solitari sospesi nell’attesa di un’apparizione che si concretizza in maniera inaspettata. In tali apparizioni è spesso protagonista il globo, che, con la sua perfezione sferica diventa un motivo carico di valori sia estetici che simbolici. In un’opera come “Extrasensoriali I.A.” la sfera compare nelle fattezze biomorfiche di un ammasso globulare, a testimoniare come Riccardo Salvatore sia attratto anche dal fascino delle scomposizioni molecolari memori di Salvador Dalì. In questo dipinto la presenza del volto femminile è dunque connessa all’elemento sferico in una visione che l’artista sa gestire con grande effetto scenografico. Tutto si compie nella più totale decontestualizzazione della nera oscurità. Ed ecco l’apparizione del volto e dell’ammasso globulare che si presentano diafani e dai contorni incerti. Le superfici si sovrappongono intersecando i loro colori con grande coerenza e questo grazie all’uso di una notevole tecnica che permette a Riccardo Salvatore di stratificare leggere velature di colore. Il soggetto, inoltre, è pieno di luce: non vi è una fonte esterna il gruppo di sfere brilla di luce propria. Essa, provenendo dall’interno dei soggetti, copre la loro superficie di soffusi bagliori opalescenti. A livello formale, seguendo la linea metafisico-surrealista, il linguaggio pittorico di Riccardo Salvatore si attesta su un iperrealismo volutamente illusorio.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


LE OPERE

Follow Us

© 2022 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 02272650447