Sergio Manfredi – Senza titolo

Sergio Manfredi – Senza titolo

Manfredi Sergio

Il soggetto del paesaggio urbano è già presente in epoca Medievale e Moderna, ma prevalentemente in maniera idealizzata. Le scene di vita cittadina diventano temi tipici con un’interpretazione più verosimile a partire dal XIX secolo. Ricordiamo come subito dopo le correnti realiste dell’Ottocento anche gli impressionisti diedero molta rilevanza al quotidiano, alla vita di tutti […]

  • Tecnica: Acquerello
  • Dimensione: 38x52

  • Codice prodotto: GFRE002

Visualizzazioni 376

DESCRIZIONE

Il soggetto del paesaggio urbano è già presente in epoca Medievale e Moderna, ma prevalentemente in maniera idealizzata. Le scene di vita cittadina diventano temi tipici con un’interpretazione più verosimile a partire dal XIX secolo. Ricordiamo come subito dopo le correnti realiste dell’Ottocento anche gli impressionisti diedero molta rilevanza al quotidiano, alla vita di tutti i giorni, con una certa predilezione, però, verso la frenesia della città, la folla, il traffico e ambientazioni tipicamente borghesi. Nelle vedute cittadine di Sergio Manfredi prevale invece l’aspetto del quotidiano, del realismo schietto e sincero della vita di tutti i giorni in una dimensione cittadina.

Lo stile dell’artista Sergio Manfredi presenta una perfetta fusione tra realismo e una delicata resa impressionistica dei dati sensibili attuata tramite la tecnica dell’acquerello. Infatti da una parte l’artista procede ad una precisa descrizione della veduta in tutti i suoi particolari con un forte senso della realtà cittadina e del quotidiano di un vissuto semplice. Dall’altra la sua raffinata tecnica pittorica ed il colore diluito gli permettono di trasferire sulla tavola un senso di immediatezza, grazie ad una pennellata rapida e carica di vibrazioni atmosferiche. La luce così si riverbera sugli oggetti, ma senza interferire con la descrizione puntuale della realtà. Tutta la veduta risulta connotata, dunque, da una luminosità chiara che si palesa, per contrasto, nel gioco delle ombre. È finalizzato a questo scopo anche l’uso di una tavolozza dai colori tenui e delicati.

Sergio Manfredi è nato a Torino nel 1932. Sin da giovanissimo inizia a studiare sotto la guida del suo primo maestro Piero Ferraris. Più tardi sarà allievo di Carlo Musso che ne completerà la formazione artistica. Frequenta intanto gli studi di Alessandro Lupo, di Cesare Maggi e di Adolfo Rolla. Segue i corsi di nudo all’Accademia Albertina di Torino e inizia ad esporre nel 1954 alla Promotrice delle Belle Arti di Torino poi alla Quadriennale nel 1955. Nel 1975 gli è stato conferito il premio Follini e nel 1980 il Premio Turbil del Circolo Artisti di Torino di cui è socio da tanti anni. Dal 2007 soggiorna frequentemente a Marrakech in Marocco. Dal 1966 ha esposto in molte gallerie d’arte di Torino, Milano, Cremona, Firenze, Asti, Cuneo, Alassio, Bergamo, Verona.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


Follow Us

© 2024 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 02272650447