Umberto Lilloni – Il fiume

Umberto Lilloni – Il fiume

Lilloni Umberto

  • Tecnica: Olio su tela
  • Dimensione: 35x50

  • Codice prodotto: FRUS001

Visualizzazioni 171

DESCRIZIONE

Il paesaggio è stato da sempre protagonista nella ricerca artistica, sia come ambientazione, come sfondo, ma anche come soggetto esso stesso. La descrizione naturalistica del paesaggio è stata una delle maggiori aspirazioni per gli artisti di ogni epoca. Ogni periodo storico ha dato la propria interpretazione del paesaggio contribuendo all’evoluzione della sua descrizione: dapprima con una ricerca sullo spazio, tramite la prospettiva brunelleschiana nel primo Rinascimento; poi sulla resa atmosferica nel Cinquecento; fino ad arrivare alla rappresentazione di ogni singola vibrazione della luce sugli oggetti nell’Impressionismo. Per i pittori del Chiarismo Lombardo, di cui Umberto Lilloni fu uno dei massimi esponenti, il paesaggio è un soggetto privilegiato proprio per le possibilità intrinseche nell’uso della luce che è al centro delle ricerche di questo gruppo.

Umberto Lilloni, esponente di punta dei Chiaristi lombardi, anche in quest’opera conferma le peculiarità del suo fare artistico. A livello cromatico troviamo proprio quell’immersione nella luce che caratterizza la sua produzione paesaggistica, e la conformazione del paesaggio mostra con chiarezza il consueto tocco calligrafico peculiare di una tecnica in punta di pennello. Tutto è pervaso dalla medesima consistenza immateriale e bidimensionale, tipica di Lilloni e anche degli altri maestri chiaristi. Tipica è anche la sua stilizzazione, sempre un po’ sospesa tra istinto naif e il raffinato mistero di un realismo magico, nel descrivere gli edifici, le montagne, la vegetazione. Ogni cosa è resa sottile in un delicato equilibrio cromatico determinato dalla trasfigurazione della luce.

Umberto Lilloni è stato un pittore milanese, nato nel 1898 e scomparso nel 1980. Fu uno degli esponenti più importanti dei Chiaristi Lombardi. Si è formato presso l’Accademia di Brera e nel 1922 riceve il premio del Pensionato Hayez. Per un certo periodo si avvicina al gruppo del Novecento, ma sente che è un tipo di pittura non adatta alla sua indole. Così studiando Emilio Gola e il paesaggismo lombardo, arriverà a concepire la pittura a fondo chiaro. Dal 1927 al 1941 Lilloni ha insegnato all’Accademia di Brera, e dal 1941 al 1962 è stato titolare di cattedra all’Accademia di Belle Arti di Parma.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


LE OPERE

Follow Us

© 2020 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 01960870440