Antonio Vangelli – Senza titolo

Antonio Vangelli – Senza titolo

Vangelli Antonio

  • Tecnica: olio su tela
  • Dimensione: 30x40

  • Certificato: Artista. Richiesto parere autenticità alla galleria Il Gianicolo
  • Codice prodotto: ADGR003

Visualizzazioni 218

DESCRIZIONE

Il paesaggio è stato da sempre protagonista nella ricerca artistica, sia come ambientazione, come sfondo, ma anche come soggetto esso stesso. La descrizione naturalistica del paesaggio è stata una delle maggiori aspirazioni per gli artisti di ogni epoca. Ogni periodo storico ha dato la propria interpretazione del paesaggio contribuendo all’evoluzione della sua descrizione: dapprima con una ricerca sullo spazio, tramite la prospettiva brunelleschiana nel primo Rinascimento; poi sulla resa atmosferica nel Cinquecento; fino ad arrivare alla rappresentazione di ogni singola vibrazione della luce sugli oggetti nell’Impressionismo

L’opera è un chiaro esempio di paesaggio espressionista. La realtà viene interpretata in modo estremamente sintetico, con un esercizio di riduzione quasi brutale. In questa opera, inoltre, Antonio Vangelli spinge il proprio espressionismo fino alle massime conseguenze. Il paesaggio assume, così, una connotazione astratta, perdendo quasi del tutto il contatto con la realtà fenomenica e comunicando lo sguardo interiore dell’artista. La composizione viene costruita con il consueto tratto filiforme di Vangelli, ma in questo caso il segno assume una natura più nervosa e zigzagante. La stesura densa dà vita alle solite dissonanze cromatiche.

Antonio Vangelli nasce a Roma nel 1917 da una famiglia di nobili origini, ed è scomparso nel 2004. Inizia a dar vita alle sue serie Il Circo e Le Maschere, e pubblica alcuni disegni sulle riviste “Lettere oggi” e “Risorgimento”. Espone accanto a Emilio Vedova e a Giulio Turcato, e alla prima storica della Libera Associazione Arti Figurative, di cui è membro. Gli anni quaranta e cinquanta segnano una svolta nella sua arte. Inizia a dipingere ponti geometrici e paesaggi industriali. A Villa San Carlo Borromeo, nel 1999 si tiene la grande personale “Antonio Vangelli. La festa della vita”. Le sue opere continuano a essere esposte presso il Museo della Villa San Carlo Borromeo, alle collettive “Il ritratto. Le radici artistiche e culturali dell’Europa” (2005), “La scuola di Roma” (2006), “Donne” (2006), “Il bello, l’arte, la scrittura. L’Europa, la Russia, la Cina, il Giappone” (2007) e “L’incarnazione del colore e la scrittura della luce” (2007). Le sue opere vengono esposte anche alla grande collettiva “Tesori dell’Italia” (2007), tenutasi presso la Chongqing Planning Exhibition Gallery, di Chongqing, in Cina.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


LE OPERE

Follow Us

© 2022 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 02272650447