Le donne e l’arte – Vanessa Beecroft

Vanessa Beecroft 1969 Genova, Italia: vive e lavora a New York (NY), USA

Vanessa Beecroft “dipinge” ritratti di gruppo e individuali tridimensionali, con ragazze e donne in carne e ossa. Queste occupano un determinato spazio per un determinato tempo; sono vestite, in genere succintamente, dall’artista; spesso indossano delle parrucche e non entrano mai in contatto con il pubblico. Ne risulta un atmosfera stranamente fredda, misteriosa, che fa apparire lo spettatore  fuori posto almeno quanto le ragazze stesse, che si muovono a malapena e sembrano semplicemente in attesa di qualcosa. “Sono interessata al rapporto  tra le figure umane come donne vere  e la loro funzione di opera d’arte e immagine”, spiega l’artista. L’arte di Vanessa Beecroft è difficile da classificare. Si tratta di performance o ” sculture vive“, come quelle degli inglesi Gilbert & George, oppure di una forma moderna di ritratto, o invece di nature morte dalla valenza psicologica composte con soggetti vivi? La domanda resta aperta.

In una delle sue prime esposizioni , a Colonia ne 1994, Vanessa Beecroft presentò 30 ragazze in un show-room al quale il pubblico non aveva accesso. L’evento era visibile solo attraverso una finestra rettangolare che dava sensazione di sbirciare da uno spioncino. Le ragazze avevano tutte una figura simile, non atletica, e indossavano scarpe e gambaletti neri, biancheria intima grigia e magliette nere  o grigie. L’abbigliamento uniforme produceva nello spazio una composizione visiva di grande effetto ed era completato da parrucche gialle, alcune con le trecce altre senza. Alcune ragazze erano sedute, apparentemente imbronciate, altre era appoggiate alle pareti, altre ancora camminavano lentamente avanti e indietro. Nessuna di loro sembrava aspettarsi veramente che succedesse qualcosa – invece di un lasso di tempo denso di azione c’era solo una noiosa durata. Il titolo dell’opera era eloquente: A Blonde Dream. L’evento, concepito per essere tenuto in una galleria in Germania, alludeva esplicitamente al cliché della “bellezza ariana” diffuso durante il Terzo Reich.

c43d50138de83325baeed83e585a3165

VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


LE OPERE

Follow Us

© 2020 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 01960870440