Michele Zappino – Cavallino Verde

Michele Zappino – Cavallino Verde

Zappino Michele

Arte Contemporanea

  • Tecnica: Scultura fusone a cera persa
  • Dimensione: 25x17
  • Anno: 1996

  • Tiratura: Unico
  • Codice prodotto: gbon001

Visualizzazioni 305

DESCRIZIONE

Esemplare di Arte Contemporanea

Le rappresentazioni di animali nell’arte hanno origini antichissime, tanto da comparire anche sulle pitture rupestri di epoca primitiva. Per questioni di culto vari tipi di animali compaiono nelle testimonianze di diverse civiltà di epoca antica. E’ soprattutto nel medioevo, nell’ambito del Gotico Internazionale, che le raffigurazione di animali si diffondono come veri e propri ritratti dal vero, sia all’interno di opere o nei quaderni di disegni e bozzetti. La presenza degli animali come soggetti nell’arte rimarrà costante fino all’epoca contemporanea. In questa scultura Michele Zappino focalizza la sua ricerca sulla figura del cavallo. Animale nobile, simbolo di bellezza ed armonia il cavallo e stato più volte un soggetto protagonista nella storia dell’arte. A partire dal Trecento la sua presenza e sempre stata d’obbligo nelle scene di battaglia o nei monumenti equestri e, per i pittori, è sempre stata una sfida quella di rappresentarlo con precisione anatomica e resa naturalistica.

Nelle sue sculture Michele Zappino fa riferimento ad una concezione classica e tradizionale del fare artistico. Come possiamo vedere in questa opera, infatti, lo scultore persegue una resa naturalistica totale che riesce ad ottenere tramite la sua tecnica notevole. L’artista riesce ad enfatizzare i volumi dei soggetti in un rapporto d’equilibrio all’interno dell’opera. Vi è molta precisione nelle fisionomie, con un certo carattere di idealizzazione. In questa figura di cavallo viene esaltata la forza ed il dinamismo della figura attraverso una linea compositiva impostata sulla posizione molto diagonale delle zampe, la testa alzata e la coda orizzontale. Il destriero viene rappresentato nel momento in cui sta per impennarsi, con quella capacità tipica di Zappino di fermare i suoi soggetti nell’attimo irripetibile di un movimento. La modellazione della scultura mostra una superficie molto mossa e vibrante, tipica di un fare artistico contemporaneo.

Michele Zappino è nato nel 1949 a Zungri in Calabria. Nella sua carriera ha esercitato per molto tempo l’attività di docente ai corsi di scultura dell’Accademia di Brera. Ha realizzato importanti commissioni come il S. Ciriaco, busto in bronzo a Buonvicino, i Portali in bronzo della Cattedrale di Mileto per il Giubileo 2000, i Monumenti a Padre Pio a Vibo Valentia e a Tropea, i Monumenti di San Francesco di Paola a Paola, la Stele in onore di Madre Teresa di Calcutta e Papa Giovanni Paolo II a Zungri. Notevole è anche la sua produzione da studio fatta di serie come le Ballerine, le Ragazze, gli Amanti, i Ritratti, le Professioni, i Cavalli in lotta o in corsa. Numerosi sono stati i premi ricevuti.


RICHIESTA INFORMAZIONI



VendereQuadri è la prima piattaforma italiana per la compravendita d'arte online pensata per artisti, gallerie, collezionisti e privati.
Qualità garantita e transazioni sicure.


LE OPERE

Follow Us

© 2022 - E' vietata la riproduzione anche parziale.
P. IVA, C.F. e Iscr. Reg. Imprese 02272650447